Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 00:45

CALCIO / Lecce, che peccato! La Juventus s'impone 2-1 al 90'

Nella gara del 15° turno della serie A, Giovinco (57') si procura e trasforma una punizione. I salentini reagiscono pareggiando con Cacia (83'). Ma Amauri regala la vittoria ai bianconeri
I risultati dalla Iª Divisione alla D
• Pallavolo: Piacenza-Martina 3-0
• Basket: Pozzuoli-Taranto 66-79
Lecce-Juventus
LECCE-JUVENTUS 1-2 (0-0 nel primo tempo)

LECCE (4-4-2) : Benussi 5.5; Schiavi 6 (25' st Giuliatto 6), Stendardo 6, Fabiano 6, Esposito 6; Munari 6 (36' st Cacia 7), Giacomazzi 6.5, Vives 5.5, Ariatti 5.5 (25' st Caserta 6.5); Tiribocchi 5.5, Castillo 5. In panchina: Rosati, Polenghi, Diamoutene, Konan. Allenatore: Beretta 6.
JUVENTUS (4-4-2): Manninger 6.5; Grygera 5, Legrottaglie 6, Chiellini 6, Molinaro 6; Marchionni 5 (37' st De Ceglie 6.5), Sissoko 6.5, Marchisio 6, Nedved 5.5; Giovinco 7.5, Amauri 7. In panchina: Chimenti, Mellberg, Zanetti, Ekdal, Rossi, Yago. Allenatore: Ranieri 5.5.
ARBITRO: Pierpaoli di Firenze 5.5.
RETI: 12' st Giovinco, 38' st Cacia, 45' st Amauri.
NOTE: Pomeriggio di sole, terreno in buone condizioni. Spettatori paganti: 28.222. Ammoniti: Schiavi, Chiellini, Ariatti, Legrottaglie, Cacia. Angoli: 6-2 per la Juventus. Recuperi: 1' pt e 4' st.

LECCE – Un lampo di Giovinco, la risposta di Cacia, poi la frustata di Amauri che regala tre punti preziosi alla Juventus al minuto 90 della sfida di Lecce. Il colpo di testa del brasiliano riporta i bianconeri da un preoccupante -8 al -6 di partenza.

Partita non bella nel primo tempo, ricca di emozioni nella ripresa, a far la differenza la classe degli attaccanti juventini e il carattere di una squadra che non molla mai, capace di lottare e soffrire come una provinciale, ma di colpire e vincere come solo le grandi sanno fare.

Ranieri temeva la fuga dell’Inter e quando Cacia, al 38' della ripresa, ha battuto Manninger ha temuto di precipitare a -8, così non è stato grazie all’incornata di Amauri che dopo una prestazione senza acuti ha risolto la partita alla sua maniera. Ma il primo gioiello lo aveva regalato Giovinco con una punizione alla Del Piero al minuto 12 della ripresa, un destro perfetto e imparabile per Benussi.

Il Lecce esce sconfitto, ma lo condanna solo il risultato perché la prestazione della squadra di Beretta è stata sicuramente positiva.

Tante assenze in entrambe le squadre. Problemi a centrocampo per il Lecce privo di Ardito e Zanchetta, pedine importanti per la squadra salentina. Anche la Juve deve fare i conti con defezioni importanti: Del Piero è rimasto a Torino e Iaquinta, che avrebbe dovuto prenderne il posto, finisce in tribuna per un problema al collo. Al fianco di Amauri, così, trova spazio Giovinco, per la «formica atomica» una grande chance che il talento bianconero riuscirà a sfruttare. Torna tra i disponibili Zanetti, per lui solo panchina. Confermata la coppia Sissoko-Marchisio, Marchionni gioca a destra al posto di Camoranesi, Nedved, oggi capitano, a sinistra.

Lecce prudente, Juve macchinosa e senza grandi idee, manca la qualità di Del Piero e Camoranesi e si avverte anche l’assenza di Tiago, nonostante la buona prova di Marchisio. Giovinco ha una gran voglia di mettersi in mostra e ci riesce con un paio di numeri, ma la Juve raramente riesce ad essere pericolosa. Amauri si fa vedere solo per un bell'assist per Marchionni, abbandonato a se stesso il brasiliano. Nessun tiro in porta per i bianconeri, solo due azioni poco limpidi con gli atterramenti in area di Nedved e Marchionni, per Pierpaoli è tutto regolare.

Lecce molto attento a non scoprirsi, la squadra di Beretta si affida ai lanci lunghi per Castillo e Tiribocchi, il primo al 9' sbaglia l’aggancio sprecando una buona chance, il secondo al 46' calcia alto di destro. Tutto qui il primo tempo, completamente diverso il secondo, avvincente e ricco di emozioni.

La Juve ha un approccio diverso, molto più «cattivo». È Giovinco a trascinare i suoi e, al 12', a sbloccare il risultato con una gran punizione. La Juve ha l’occasione per chiudere ma la spreca con Amauri. Poi il Lecce mette alle corde i bianconeri, Beretta manda in campo Caserta e Cacia e il Lecce si trasforma. Ci provano Tiribocchi, Caserta due volte, Castillo, ma al 38' è Cacia, appena entrato, a segnare un gran gol con un sinistro al volo su assist di Giacomazzi. Quando l’1-1 sembrava ormai scontato ecco Amauri: gran colpo di testa su assist di De Ceglie, Benussi battuto. La Juve vince e si prepara alla sfida con il Milan, tenendo sempre d’occhio l’Inter che resta a +6.

• Beretta: «Meritavamo anche più del pareggio»

Risultati della 15ª giornata del campionato di calcio di serie A

A Bergamo: Atalanta-Udinese 3-0
a Cagliari: Cagliari-Palermo 1-0 
a Lecce: Lecce-Juventus 1-2
a Milano: Milan-Catania 1-0
a Napoli: Napoli-Siena 2-0
a Reggio Calabria: Reggina-Bologna 2-2
a Torino: Torino-Fiorentina 1-4
a Verona: Chievo-Roma 0-1 (giocata ieri)
a Roma: Lazio-Inter 0-3 (giocata ieri)
Sampdoria-Genoa alle 20,30

CLASSIFICA (legenda: squadra, punti, partite giocate, vinte, pareggiate, perse, gol fatti, gol subiti)

Inter 36 15 11 3 1 25 8
Juventus 30 15 9 3 3 23 10
Milan 30 15 9 3 3 21 13
Napoli 27 15 8 3 4 22 15
Fiorentina 26 15 8 2 5 22 14
Atalanta 23 15 7 2 6 19 15
Lazio 23 15 7 2 6 22 19
Genoa (-) 22 14 6 4 4 21 16
Catania 22 15 6 4 5 15 16
Udinese 21 15 6 3 5 21 17
Palermo 20 15 6 2 7 19 12
Cagliari 20 15 6 2 7 16 17
Roma 20 14 6 2 6 16 18
Siena 19 15 5 4 6 12 14
Sampdoria (-) 16 13 4 4 5 13 16 
Lecce 13 15 2 7 6 14 21
Torino 12 15 3 3 9 15 24
Reggina 12 15 3 3 8 14 30
Bologna 11 15 2 5 8 14 25
Chievo 9 15 2 3 10 7 22
(-): una gara in meno

CLASSIFICA CANNONIERI

11 RETI: Gilardino (Fiorentina); Milito (4 rig) (Genoa).
9 RETI: Di Vaio (1 rig) (Bologna).
8 RETI: Ibrahimovic (Inter); Amauri (Juventus).
7 RETI: Floccari (Atalanta); Mascara (2 rig) (Catania); Zarate (2 rig) (Lazio); Ronaldinho (2 rig) (Milan); Miccoli (2 rig) (Palermo); Corradi (3 rig) (Reggina).
6 RETI: Denis, Hamsik (1 rig) (Napoli).
5 RETI: Acquafresca (1 rig) (Cagliari); Mutu (1 rig) (Fiorentina); Sculli (Genoa); Pandev (Lazio); Kakà (2 rig) (Milan); Cavani (Palermo); Cassano (1 rig) (Sampdoria); Di Natale (2 rig), Quagliarella (Udinese).
4 RETI: Jeda (Cagliari); Paolucci (Catania); Del Piero (1 rig) (Juventus); Tiribocchi (Lecce); Lavezzi (Napoli); Totti (1 rig) (Roma); Amoruso (2 rig) (Torino).
3 RETI: Doni (Atalanta); Kuzmanovic (Fiorentina); Nedved (Juventus); Rocchi (Lazio); Castillo (Lecce); Pato (Milan); Bellucci, Delvecchio (Sampdoria); Rosina (3 rig) (Torino); D’Agostino (2 rig), Floro Flores (Udinese).
2 RETI: Ferreira Pinto, Valdes (Atalanta); Valiani (Bologna); Conti, Fini (Cagliari); Plasmati (Catania); Marcolini (1 rig) (Chievo); Montolivo (Fiorentina); Papastathopoulos (Genoa); Cordoba, Cruz, Maicon, Muntari (Inter); Iaquinta (Juventus); Foggia (Lazio); Cacia, Caserta (Lecce); Inzaghi (Milan); Zalayeta (Napoli); Simplicio (Palermo); Brienza, Cozza (Reggina); Aquilani, Julio Baptista, Panucci, Vucinic (Roma); Calaiò, Ghezzal, Kharja, Maccarone (1 rig) (Siena); Bianchi (1 rig), Stellone (Torino); Pepe, Sanchez (Udinese).
1 RETE: Garics, Guarente, Manfredini, Padoin, Vieri (Atalanta); Moras, Volpi (Bologna); Bianco, Larrivey, Lopez (Cagliari); Martinez, Sabato (Catania); Italiano, Langella, Mantovani, Pellissier (Chievo); Felipe Melo, Pazzini (Fiorentina); Biava, Motta, Palladino (Genoa); Adriano (rig.), Obinna, Stankovic, Vieira, Samuel (Inter); Camoranesi, Chiellini, Giovinco, Grygera, Marchionni (Juventus); Dabo, Mauri, Siviglia (Lazio); Esposito, Giacomazzi (Lecce); Ambrosini, Borriello, Inzaghi, Seedorf, Zambrotta (Milan); Maggio, Mannini (Napoli); Bovo, Bresciano, Kjaer, Mchedlidze, Succi (Palermo); Barreto, Costa (Reggina); De Rossi, Juan, Menez, Perrotta (Roma); Franceschini, Stankevicius (Sampdoria); Ficagna, Frick, Galloppa (1 rig); Vergassola (Siena); Abbruscato, Colombo, Saumel, P.Zanetti (Torino); Inler (Udinese).
1 AUTORETE: Terlizzi (Catania pro Inter); Mascara (Catania pro Inter); Cicinho (Roma, pro Bologna); Di Loreto (Torino pro Reggina); Pisano (Torino pro Inter); Domizzi (Udinese pro Lecce); Siviglia (Lazio pro Napoli); Mantovani (Chievo pro Lazio); Denis (Napoli pro Milan); Papastathopoulos (Genoa pro Juve); Felipe (Udinese pro Chievo); Diakitè (Lazio pro Inter).

PROSSIMO TURNO – 16ª GIORNATA DI ANDATA – 14 DICEMBRE – ORE 15

Bologna - Torino (13/12, ore 18.00)
Fiorentina – Catania
Genoa - Atalanta
Inter - Chievo
Juventus – Milan (ore 20.30) 
Napoli – Lecce (13/12, ore 20.30)
Palermo - Siena
Reggina - Sampdoria
Roma – Cagliari
Udinese - Lazio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione