Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 23:10

Schiavi ha ritrovato il gusto di giocare

Il difensore del Lecce, titolare a Catania («è bello tornare a calcare un campo di serie A dopo l’esperienza di tre anni fa») spera di esserci anche nell'attesa sfida di serie A contro la Juventus: «Con grinta, determinazione e aggressività possiamo metterli in difficoltà»
Schiavi ha ritrovato il gusto di giocare
LECCE – Ripresa della preparazione per il Lecce di Beretta in vista del match di domenica contro la Juventus. Dopo il pareggio di sabato scorso a Catania la squadra ha ripreso al completo gli allenamenti, in gruppo anche Raffaele Schiavi, titolare al Massimino. «È bello tornare a calcare un campo di serie A dopo l’esperienza di tre anni fa. Sono contento della mia prestazione, penso di aver dimostrato il mio valore, ma lo sono ancora di più per la prestazione della squadra – spiega il difensore classe '86 -. Bisogna tener presente che Catania è un campo difficile e lo dimostra il fatto che loro, prima della partita di sabato scorso, avevano ottenuto sei vittorie. Abbiamo disputato una buona gara e alla fine abbiamo anche rischiato di vincere; peccato non essere riusciti a concretizzare le occasioni che abbiamo avuto dopo l’1-1».

Tanta panchina in questo inizio di stagione, Schiavi accetta le decisioni di Beretta, ma spera di trovare più spazio nei prossimi mesi. «Mi sono sempre allenato al massimo e penso che la prestazione di sabato lo abbia dimostrato; in difesa siamo in tanti, decide Beretta chi mandar in campo la domenica. In estate ho avuto delle richieste, ma mi ha fatto piacere che la società ga deciso di confermarmi. Ho un contratto fino al 2012 e spero di rispettarlo fino alla fine, per poter difendere questa serie A che sento mia, dopo il campionato dello scorso anno».

La panchina non piace a nessuno, neanche a Schiavi che spera di restare in giallorosso, ma che non esclude nulla in vista del mercato di riparazione che aprirà fra un mese. «È chiaro che ogni calciatore vorrebbe sempre giocare e questo vale anche per me. Io penso a far bene qui a Lecce se, però, dovessero arrivare delle richieste a gennaio saranno la società, il direttore sportivo e il mister a prendere le loro decisioni». Archiviato il pareggio di Catania, il Lecce si prepara a ricevere la Juventus di Ranieri. «Conosciamo tutti il valore della Juve, ma con grinta, determinazione e aggressività possiamo mettere in difficoltà qualsiasi avversario – assicura Schiavi -. Dovremo lottare su ogni pallone e senza paura perché altrimenti si partirebbe già sconfitti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione