Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 17:26

Cras Taranto, quinta vittoria consecutiva

Nell'ottava giornata del campionato di serie A1 femminile di basket, le tarantine hanno battuto nettamente il Ribera al PalaMazzola. Il risultato finale (75-52) rispecchia fedelmente l'andamento di un incontro dominato dall'inizio alla fine. Godin top-scorer con 14 punti
CRAS TARANTO-BANCO DI SICILIA RIBERA 75-52

CRAS: Zimerle, Siccardi 6, Mahoney 10, Godin 14, David 10; Bello 4, Greco 12, Masoni 4, Prado 6, Batkovic 9. All. Ricchini.
BANCO DI SICILIA: Colico 2, Montagnino 9, Bonafede, Page 9, Chones 9; Perfetti 9, Riccardi 3, Moody 6, Creamer 5, Romagnoli. All. Anselmo.
ARBITRI: Gaudino di Salerno e Gadda di Roma.
PARZIALI: 24-9, 38-20, 58-31, 75-52
NOTE: Cras T2 22/50, T3 6/9, TL 13/14; Ribera T2 12/32, T3 7/18, TL 7/10.

TARANTO - Una marcia forsennata, cadenzata da dieci vittorie consecutive tra Europe Cup e serie A1 femminile di basket. Il Cras sembra non volersi fermare più. Povero Ribera, ieri ha “asfaltato” al PalaMazzola, dove Taranto pesca 2 punti che la lanciano sulla parte alta della classifica. Altra prova di forza, corale, soprattutto, firmata dalla formazione allenata da Roberto Ricchini. Tra una settimana, nuovo match di campionato a Pozzuoli.

LA PARTITA - La decima vittoria consecutiva stagionale e la quinta in campionato arriva con una facilità disarmante. Dopo la prima pratica chiusa in Europe Cup (accesso ai sedicesimi da testa di seri), il Cras Taranto prosegue la sua marcia anche in A1. Certo Ribera non è tra le papabili per lo scudetto, ma le rossoblu non ci pensano due volte a schiantare l’avversario per portarsi a -2 dalla vetta in attesa del posticipo della capolista Parma contro Priolo.

In avvio entrambi i quintetti partono con due novità: tra le ospiti c’è Bonafede, mentre Ricchini schiera Siccardi per Greco. Si parte e si segna col contagocce: al 5’ è ancora 4-4, mentre il primo vantaggio tarantino lo sigla Mahoney ai liberi (6-4). Il Cras cresce in difesa e dal 6-6 (entra intanto Batkovic) costruisce un esaltante parziale di 13-0, interrotto da Moody, in cui spiccano le due triple di Mahoney e quella di Batkovic. Al 9’ è già +13 (19-6) e nell’ultimo minuto Taranto prende il largo. L’accelerazione del Cras prosegue in maniera costante: al 12’ Prado firma il + 16 (28-12), al 16’ Greco da 3 fa 33-15 (+18). Ribera incontra forti difficoltà in fase di attacco, anche perché la difesa rossoblu è attenta. Ricchini ruota tutte le atlete, facendo riposare sopratutto Batkovic nel secondo parziale così come aveva fatto con Greco nel primo. Il Cras non ha difficoltà a gestire il vantaggio e va al riposo con una tripla di Bello.

Se le rossoblu avevano già “ucciso” la partita nei primi due quarti, la polverizzano nei primi cinque minuti del terzo parziale. Il break di 10-2 è siglato dalle lunghe Godin e David e vale il 48-23 al 25’. Ancora i pivot francese e brasiliano spezzano la reazione di 4-0 che Ribera aveva abbozzato al 26’. Sopratutto David (fa 54-27 al 28’) è immarcabile: la ferma solo il quarto fallo, così Ricchini la sostituisce con Prado. Sul finire di parziale il coach piemontese concede l’esordio stagionale alla tarantina e nazionale under 15 Masoni. Il quarto tempo serve alle padrone di casa solamente per allungare il margine e far divertire il proprio pubblico. Al 35’ è +30 (68-38), mentre pochi secondi dopo il PalaMazzola festeggia il primo canestro di Masoni. Il Cras si rilassa negli ultimi due minuti e le siciliane possono limare un gap che resta comunque pesante.

RICCHINI: LA RISPOSTA DA PARTE DI TUTTE - «Era una partita come quella con Gran Canaria, che poteva risultare problematica sia per le nostre non perfette condizioni fisiche, greco e prado, sia per un pò di scarico mentale e nervoso che poteva esserci da parte nostra. Invece siamo stati bravi a renderla facile, ad essere aggressivi dall'inizio ed a trovare un contributo importante da tutte quante. Ho voluto far riposare alcune come la guardia Greco, che è stata ferma gli ultimi due giorni, e ho trovato buone risposta da chi non era abituata a partire in quintetto». Questo il commento, a fine match, da parte dell’allenatore del Cras Roberto Ricchini.

Nella nona giornata della Legadue di basket maschile, Livorno-Brindisi 92-87.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione