Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 04:51

CALCIO / Sabato Catania-Lecce Castillo alla ricerca del gol perduto

L'attaccante argentino si augura di giocare nell'anticipo di serie A (ore 18): «Stare in panchina non fa piacere a nessuno. Sono però decisioni che bisogna rispettare perché prima di tutto c'è il gruppo e la causa comune che è la salvezza. Nei campionati che ho disputato sono stato impiegato spesso e ho avuto una buona media realizzativa, spero di tornare quanto prima alla rete»
• Serie B: Bari-Albinoleffe arbitrata da Gava
Lecce-Chievo: Castillo segna il 2-0LECCE – Ancora in alto mare la formazione del Lecce che sabato pomeriggio nell’anticipo della 14esima giornata di serie A affronterà il Catania di Walter Zenga. Unica certezza il ritorno al modulo 4-3-1-2 con il conseguente impiego dell’ex Caserta nel ruolo di trequartista alle spalle delle due punte. Per il resto, si possono fare solo ipotesi, a partire dal possibile schieramento di Antunes come difensore sinistro al posto di Esposito, per continuare con l’utilizzazione in attacco dell’argentino Castillo in coppia con Tiribocchi. Domani mattina, il Lecce sosterrà l'ultimo allenamento nel Salento e nel primo pomeriggio si trasferirà a Catania con un volo charter.

L'attaccante argentino Castillo, insomma, aspetta e spera. «Stare in panchina non fa piacere a nessuno, e questo, ovviamente, vale anche per il sottoscritto. Sono però decisioni che bisogna rispettare perché prima di tutto c'è il gruppo e la causa comune del Lecce che è la salvezza. Nei campionati che ho disputato sono stato impiegato spesso e ho avuto una buona media realizzativa, spero di tornare quanto prima al gol, non tanto per un discorso personale, ma perché i gol servono alla squadra. Andare a giocare a Catania non è facile per nessuno, anche le grandi squadre fanno fatica – chiude Castillo – sarà una partita difficile, da giocare concentrati al massimo per cercare di ottenere i tre punti».

Ventuno punti in classifica, a ridosso della zona Uefa e lontano 10 lunghezze dalla terz'ultima. È un Catania lanciatissimo quello che sabato pomeriggio alle 15 affronterà in casa un Lecce che, invece, ha soltanto un punto di vantaggio sulla zona retrocessione. Eppure per l’amministratore delegato del club rossazzurro, Pietro Lo Monaco, il Catania deve pensare soltanto alla salvezza. «Prepariamo la gara con il Lecce senza guardare la classifica. Si tratta di uno scontro diretto – assicura l’ad etneo ai microfoni di Radio Kiss Kiss – perchè la formazione salentina è una nostra diretta concorrente in quanto ha iniziato la stagione con gli stessi obiettivi del Catania. Battere la formazione di Beretta ed ottenere i tre punti ci consentirebbe di mettere ulteriore fieno in cascina e di tenere ancora più lontano la compagine giallorossa». Al Massimino il Catania ha una media scudetto. «Quando giochiamo in casa – ammette Lo Monaco – siamo più disinvolti, in trasferta forse siamo più preoccupati, ma scendiamo in campo sempre con l’intento di far punti». Fra poco più di un mese riaprirà il mercato. «Siamo vigili e con gli occhi aperti. Qualora si dovessero presentare occasioni interessanti – conclude Lo Monaco – interverremo per prendere calciatori utili al nostro futuro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione