Cerca

Bari Volley contro il fanalino di coda

Esordio interno per il nuovo tecnico Nacci dopo la vittoria in Sicilia. L'Avellino è ultimo nella classifica della serie B1 maschile di pallavolo, ma il capitano Minafra non si fida: «Campani migliori di quel che dice la loro classifica attuale»
BARI - Se l’ottima vittoria esterna della scorsa settimana con il Brolo ha costituito un’importante iniezione di fiducia ed entusiasmo per tutto l’ambiente, al match casalingo con il fanalino di coda Avellino (si gioca sabato 29 al Palazzetto dello Sport di Carbonara con inizio alle ore 18,30) il Club Atletico Bari Volley chiede conferme dei progressi visti in Sicilia e punti pesanti per continuare la rincorsa alla zona play-off che dista ora soltanto tre lunghezze.

La gara contro la formazione irpina sarà anche l’esordio interno per Mister Vincenzo Nacci, il tecnico ostunese che ha debuttato egregiamente alla guida del Bari Volley in terra messinese. «Il nuovo allenatore ci ha dato tranquillità – commenta capitan Pino Minafra, con nove anni ininterrotti di militanza bandiera della compagine del capoluogo pugliese – ma è presto per dire che siamo guariti. Con il Brolo abbiamo fatto molto bene in ricezione e questo ci ha consentito di rendere più fluida soprattutto la fase di cambio-palla. Ma per esprimere il massimo del nostro potenziale c’è ancora molto da lavorare, specie nelle azioni di contrattacco e sulla continuità del servizio».

Ed è proprio su questi particolari tecnici che il team barese si sta concentrando nella preparazione alla gara contro Marolda e soci. «L’Avellino non è certo una squadra da ultimo posto – avverte lo schiacciatore giovinazzesse – non so quali difficoltà abbiano avuto i nostri prossimi avversari in questa fase iniziale di stagione, ma la rosa ha tutte le potenzialità per tirarsi fuori dai bassifondi della classifica. Beltran, Gallotta, Marolda, Minenna sono giocatori con tanti campionati sulle spalle, in grado di fare la differenza in questa categoria. Farci condizionare dal fatto che attualmente occupino l’ultima piazza della graduatoria è il peggiore errore che possiamo commettere».

Il giusto approccio alla gara sarà dunque un fattore cruciale per centrare un risultato che rilancerebbe a pieno titolo le ambizioni della squadra barese. «Dobbiamo giocare con la massima attenzione e determinazione, badando soprattutto a noi stessi e al nostro gioco” – conclude il laterale trentanovenne – “con tutto il rispetto per gli irpini, questa è per noi un’occasione da non perdere per mantenere il contatto con l’alta classifica. Dopo il match con l’Avellino il campionato prevede una sosta, arrivarci con tre punti in più ci permetterebbe di lavorare con maggiore serenità su problemi e difetti, assimilando più compiutamente le idee tecnico-tattiche di Mister Nacci. Non possiamo proprio sbagliare».

Intanto la federazione ha reso note le designazioni arbitrali per le gare del prossimo turno: a dirigere l’incontro tra Club Atletico Bari Volley e Pallavolo Avellino sarà la coppia tutta cosentina formata dai signori Fabio Gabriele Scarfò e Maurizio Nicolazzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400