Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 08:27

Beretta: «Spero in una Roma distratta»

Il Lecce affronterà in casa la squadra giallorossa domenica alle ore 15. L'allenatore dei salentini: «Sono certo che ci tengono a far bene anche in campionato, ma forse per loro è più importante la Champions» 
• Spalletti: «Il peggio è passato. Pensiamo al Lecce»
Il tecnico del Lecce Mario BerettaLECCE – L'ondata di freddo che sta interessando la penisola è giunta anche nel Salento, dove una sferzante tramontata mista ad una fastidiosa pioggia si prepara ad accogliere la sfida tutta giallorosa tra Lecce e Roma. Una gara in cui vincere sembra essere l’imperativo categorico per entrambe: per il Lecce, che non riassapora il dolce gusto della vittoria da ben sette giornate, e dalla Roma che in formato trasferta è riuscita ad ottenere un solo punto.

Potranno essere queste le motivazioni determinanti? O sarà la voglia del tifoso romanista Tiribocchi, o degli ex salentini Vucinic, Tonetto e Cassetti a lasciare il segno nella sfida? «Giocheremo contro una grande squadra – dice mister Beretta – che ha ritrovato l’entusiasmo con la vittoria nel derby, formata da grandi campioni; una squadra che faticava all’inizio, soprattutto a causa del gran numero di infortuni, ma che poi si è ricompattata grazie anche a Spalletti che ha avuto l'intelligenza di cambiare sistema di gioco, proprio per mettere nelle migliori condizioni i suoi giocatori di rendere al massimo».

E pensando alla gara di domani, l’allenatore salentino indica anche le possibili soluzioni per venirne a capo. «Loro – dice – hanno cambiato sistema di gioco, ma non hanno snaturato le proprie caratteristiche fatte di gran possesso di palla e rapide verticalizzazioni. Il Lecce dovrà essere bravo a ridurre gli spazi, e le distanze tra i reparti devono essere ben definite: proprio quello che non siamo riusciti a fare nel primo tempo di Genova».

Infine una speranza, legata all’impegno dei capitolini mercoledì prossimo in Champions League: «Sono certo che ci tengono a far bene anche in campionato, ma forse per loro è più importante la gara in campo europeo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione