Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 07:52

Il Cras Taranto cerca gloria a Como

Le lombarde sono tornate a sognare: sono in vetta con Venezia e Parma. Ma le ioniche vivono un momento magico e vogliono scalare l’A1 femminile. Nel settimo turno (domenica, ore 18) coach Ricchini contro il suo passato. Batkovic partirà dalla panchina
TARANTO - «La voglia è quella di non fermarsi di più, di continuare a scalare la classifica dell’A1, approfondendo il nostro basket. Ci proviamo anche questa domenica, partendo dal rispetto dell’avversario, del suo blasone, ma contando sulla nostra forza. L’indisponibilità di Batkovic? Peserà sotto le plance, ma conto sulle motivazioni delle lunghe compagne. Non escludo però un inserimento dell’australiana, qualora ce ne fosse bisogno». È questo il pensiero di Roberto Ricchini, allenatore del Cras, che domani (ore 18) ritorna al PalaSampietro di Como da ex, avendo allenato nella passata stagione la formazione nero-stellata. «Proverò sicuramente emozione – commenta Ricchini – lì credo di aver lasciato un bel ricordo. E non mi nascondo nell’ammettere che, se in estate non mi avesse cercato un club importante come Taranto, avrei continuato nel mio progetto di rilancio della Comense, in stretta sinergia col club lombardo».

UN PEZZO DI STORIA - Il PalaSampietro di Casnate con Bernate, fa sempre un certo effetto al Cras Taranto. Nell’impianto della Brianza, nel maggio 2003 il club rossoblù conquistava il primo scudetto della sua storia. Rispetto ad allora, oggi non ci sono giocatrici “superstiti” di quell’impresa. Ma le attuali campionesse rossoblù ricalcano idealmente i fasti del passato crassino. «Ricordo il tricolore di Taranto - sottolinea il play Anna Zimerle - io allora giocavo con Schio. Accogliemmo felicemente l’arrivo di una nuova squadra sulla vetta del basket femminile. Ora sono orgogliosa di essere ancora al Cras per la terza stagione consecutiva». Zimerle giudica la Comense: «Il loro avvio è stato positivo, sfruttano gli effetti di radici tecnico-tattiche uguali a quelli della passata stagione. Ma noi stiamo vivendo un bel momento e vogliamo continuare a crescere. Sia sotto il profilo tattico che dei risultati. Penso che domani ne verrà fuori un buon basket».

Taranto, almeno inizialmente, deve fare a meno del suo pivot di punta, l’australiana Suzy Batkovic, “tamponata” giovedì sera a Gospic, dove stava interpretando la parte di assoluta protagonista del match (19 punti finali, ha chiuso comunque da top scorer) che ha fruttato la qualificazione anticipata ai 16mi di finale. Batkovic, dopo una visita effettuata da uno specialista a Como, presenta una iper-estensione del ginocchio, che in Coppa ha effettuato un movimento irregolare. Ieri a Como la giocatrice non si è allenata, ma si sta sottoponendo alla continua terapia dell’esperta Diana Zanardi, che cura parallelamente anche il centro Godin, che presenta acciacchi alla schiena, ma domani sarà della partita. Batkovic, pur restando sotto osservazione, qualora ce ne fosse bisogno, potrebbe entrare a match in corso. Una volta a Taranto, poi si sottoporrà agli esami del caso. «Peccato non poter godere dal primo minuto della forza di Suzy – sottolinea Zimerle – perché con lei avremmo potuto sfruttare da subito la nostra forza sotto le plance, circuendo il loro pericolo numero-uno, che risponde a Smith. Sono però sicuro che le altre pivot Godin, Prado e David si impegneranno al massimo. E chissà se Suzy, battagliera com’è, possa fornire il suo contributo». Il Cras proviene da tre vittorie consecutive in campionato e punta a far risalire le proprie quotazioni, attualmente evidenziate a metà classifica, a 4 punti dalla vetta, convissuta da Comense, Parma e Venezia.

COMENSE, VETTA DA DIFENDERE - Frenare l’impeto di Taranto per custodire la testa della classifica. E’ questo l’imperativo della Pool Comense, tornata a sognare in A1 dopo un vuoto di questi ultimi anni. L’ultimo tricolore conquistato dalla “regina” del basket femminile è datato stagione 2003-2004. Da allora Como ha smesso di esaltarsi con la pallacanestro delle donne, che nella sua storia lunga 63 anni (sotto il profilo femminile, perché la Ginnastica Comense è nata invece nel 1872, da quando si occupa di basket, ginnastica, atletica e scherma) ha conquistato 15 scudetti, 5 Coppe Italia, 6 Supercoppe italiane e 2 Coppe Campioni. Oggi Como inizia ad emozionarsi grazie alle cestiste. Discreto l’impianto a disposizione di Walter Montini, che dopo l’addio a Ricchini ha ripreso in mano il testimone di primo allenatore della Comense. A sua disposizione una formazione che ha ritoccato la sua formazione titolare rispetto alla passata stagione. Alle confermate Vicky Hall (39 anni, ex Cras, l’ala del Texas fa ancora male con una media di 14,8 punti-match) e Slavcheva (ala bulgara ormai esperta dell’A1 italiana: 9,8 punti a sfida), si sono aggiunte il play Donvito (da Umbertide, segna 8 punti a gara), l’altra esterna ex Cras Melissa Fazio (da Montigarda: 9,3 punti a turno) ed il centro americano Smith, che dopo il battesimo italiano con Viterbo, a 24 anni dimostra di aver un ottimo talento, vista la sua reattività sotto le plance, dove sinora ha garantito il 23% del fatturato agonistico della sua squadra. La stessa Smith proviene dalla prima parentesi in Wnba con i Mercury.
Altre alternative verosimili a disposizione di Montini, il play greco Limoura e le esterne italiane Invernizzi e Fassina. A caccia di una identità cestistica la giovane foggiana Sarni, che è di proprietà del Cras.

LE FORMAZIONI - Pool Comense: Donvito, Fazio, Hall, Slavcheva, Smith; Limoura, Invernizzi, Fassina, Silva, Sarni. All. Montini. Cras Taranto: Zimerle, Greco, Sauret-Gillespie, Godin, David; Bello, Siccardi, Mahoney, Batkovic, Prado. All. Ricchini. Arbitri: Vaccarini di La Spezia e Morante di Livorno. Inizio della partita alle ore 18, al Pala SamPietro di Casnate con Bernate (Como).

RADIO E TV - Grande attenzione dei media sui match del Cras. La sfida di domani con la Comense sarà trasmessa in differita lunedì 24 novembre alle ore 22 sul canale satellitare di Blu Star, tv media partner del Cras, al numero 940 del bouquet Sky. La partita sarà visibile dalle ore 22 anche attraverso il terrestre. In precedenza dalle ore 21 vi sarà l’approfondimento del dopo match sempre su Blu Star Tv, attraverso il programma “Basket Time” condotto dal giornalista Enrico Sorace. Possibile anche ascoltare la radiocronaca diretta della partita, da domani alle ore 18, attraverso le frequenze di Radio Città Bianca (94.2 mhz a Taranto e provincia, 95.2 mhz a Brindisi a provincia).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione