Cerca

Il Cras non intende fermarsi più

Taranto è in serie positiva da due partite nella serie A1 femminile di pallacanestro. La voglia ora è di scalare la classifica del campionato. Domani (alle ore 18) arriva il Napoli al PalaMazzola per un match che annuncia scintille
TARANTO - È il momento di provare a scalare la classifica dell’A1. Il Cras, dopo essersi caricato grazie al tris di Europe Cup (+17 da primato sul Kv Imperial giovedì scorso), si rituffa nel campionato, provando a riprendere il brillante discorso intrapreso lunedì scorso a Priolo. «Proviamo a ripartire dagli ultimi due match che hanno significato tanto in termini di tattica e tecnica» dice Ricchini, il quale domenica 16 novembre alle ore 18 al PalaMazzola, affronta una parte del suo passato, ovvero quel Napoli col quale nel 2005 ha vinto la Europe Cup. Ma rispetto ad allora in maglia biancazzurra è rimasta solamente il play da battaglia Imma Gentile. Il presente riserva un’altra storia ed altri piani: possibilmente ambiziosi.

NAPOLI VULNERABILE FUORI CASA - Sorprendente -23 sul rettangolo unico di Roma nella prima stagionale contro Umbertide, -7 in casa dell’urticante Sesto San Giovanni e -6 a Como contro la sorprendente primatista a braccetto con Faenza, Venezia e Parma. Questo il cammino negativo, sinora firmato dal Napoli Basket Vomero lontano dalla “fortezza” del PalaBarbuto, dove in questa stagione sono già “cadute” Priolo e Parma (domenica scorsa). Coach Fabio Fossati, però, dopo la retrocessione con Montichiari, sta riuscendo a trasmettere nuove motivazioni ad un ambiente che, rispetto alle ultime stagioni preziose (scudetto 2007 e finale-scudetto nel 2008, architettate dall’ex crassino Molino) ha ridimensionato il progetto, perdendo una “perla” del basket come Kedra Holland-Corn, ritiratasi dal gioco a sorpresa.
«Ma Napoli ha fame di vittorie e noi proviamo a fare il possibile per soddisfare questa stupenda città» dice il bresciano Fossati, che Taranto conosce bene, avendolo “asfaltato” con la sua Comense nel maggio 2003. Successo da scudetto. Ora l’aria è diversa, Fossati guida Napoli per tenerla a galla nell’A1 di basket. Della sua missione fa parte la “scommessa” Gatti, giovane play portatosi dietro da Montichiari, che sinora ha retto più volte la parte da titolare, riuscendo anche a contribuire al fatturato agonistico con una media di 6,6 punti a match.

Ma la capocannoniere delle “azzurre” è la guardia statunitense, deputata a non far rimpiangere Holland-Corn (vista la sua esperienza da Wnba), Scholanda Robinson, che porta un’andatura di 15,4 punti-match. Buona la sua percentuale dalla media distanza: 54,3%. Gli altri pericoli di Napoli sono l’ala Mauriello, la vice-regista Gentile, ed una batteria di quattro lunghe che tiene sempre vivo il gioco nell’area. Dalla Finlandia spazio alle “torri” Tuukkannen e Laaksonen, che dopo 5 gare hanno assicurato il 24% della produzione offensiva. Sotto la tabella completano la forza azzurra l’esperta Cintia ed una delle “sopravvissute” del movimento italiano, Sara Giauro. Equilibrio tattico e sano agonismo, le armi sulle quali punta Fossati, che sogna il primo blitz stagionale di Napoli.

CRAS AVANTI TUTTA - Nove partite in trentadue giorni, in campo ogni tre giorni e mezzo, con risultati in crescendo: cinque vittorie consecutive tra campionato e Europe Cup, dopo un inizio negativo, segnato da 4 “scoppole” subite dagli avversari. Il Cras è rinato ed ora può puntare ai vertici della classifica dell’A1 femminile, per i quali è stato costruito dal club? «Ce lo auguriamo tutti» risponde un presidente Angelo Basile più sereno dopo gli ultimi progressi. La sua squadra, costruita con passione e sagacia tecnica in collaborazione col n.2 del club Mino D’Antona (i due sempre a bordo campo durante i match come due tifosi speciali), dovrebbe aver preso il volo giusto. Le ultime partite hanno confermato una crescita generale e individuale, che domani si sottopone ad una nuova verifica, ossia quel Napoli che coach Ricchini considera «ostico, perché sa giocare a basket». È sfida anche tra tecnici intelligenti ed ambiziosi. «Si punta a vincere, come ogni domenica, per questo siamo assoldati».

Il lavoro del coach è illustrato dal tecnico piemontese del Cras, che sinora ha avuto risposte importanti da più individualità. Il cecchino è la lunga Batkovic, 15mo attaccante dell’A1 con una media di 12, 8 punti a match e il numero più alto di canestri al minuto (media di 0,598). Dietro di lei, in 17ma fila la guardia americana Megan Marie Mahoney. E’ la giocatrice del South Dakota, con una media di 12,2 punti, quella che sinora ha regalato spettacolo con costanza. L’esterna di 25 anni eccelle anche nei tiri liberi, essendo la primatista temporanea del campionato col 100% (16/16). Numeri che attestano la buona salute dell’esterno-molla.

Seguono la sua scia le compagne, come l’ala Sauret-Gillespie, che sta cercando di buttarsi alle spalle un periodo segnato dal dolore al ginocchio. E le lunghe Godin e Batkovic, in netta crescita, con 51 e 52 rimbalzi a testa La francese, nonostante le botte prese sotto la tabella in questi ultimi match, domani sarà a disposizione di Ricchini. Con lei la batteria di esterne Zimerle, Greco, Bello e Siccardi, altre singole indispensabili alla crescita del Cras. Il pubblico del PalaMazzola non aspetta altro.

LE FORMAZIONI - Cras Basket Taranto: Zimerle, Greco, Sauret-Gillespie, Godin, Batkovic; Bello, Siccardi, Mahoney, David, Prado. All. Ricchini. Napoli Basket Vomero: Gatti, Robinson, Mauriello, Tuukkannen, Cintia; Gentile, Paterna, Stamegna, Giauro, Laaksonen. All. Fossati. Arbitri: Capurro di Reggio Calabria e Cè di Milano. Inizio del match alle ore 18. Validi gli abbonamenti della stagione 2008-2009. Biglietti: intero 7 euro, ridotto 4 euro.

RADIO E TV - Grande attenzione dei media sui match del Cras. La sfida di domani con il Napoli sarà trasmessa in differita lunedì 17 novembre alle 22 sul canale satellitare di Blu Star, tv media partner del Cras, al numero 940 del bouquet Sky. La partita sarà visibile dalle ore 22 anche attraverso il terrestre. In precedenza dalle ore 21 vi sarà l’approfondimento del dopo match sempre su Blu Star Tv, attraverso il programma “Basket Time” condotto dal giornalista Enrico Sorace. Possibile anche ascoltare la radiocronaca diretta attraverso le frequenze di Radio Città Bianca (94.2 mhz a Taranto e provincia, 95.2 mhz a Brindisi a provincia).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400