Cerca

BASKET / Il Cras Taranto va in Spagna Las Palmas da battere in Europe Cup

Giovedì 6 novembre terza partita della competizione di basket. Coach Ricchini dopo il successo contro le croate del Gospic (e la prima vittoria in A1 femminile contro Livorno): «Cerco conferme. Mi auguro che l’aria europea possa offrire maggior vitalità alle mie giocatrici»
Monica Bello, play del Cras TarantoTARANTO - Le luci dell’Europa potrebbero illuminare nuovamente il Cras. A distanza di una settimana dal successo liberatorio sul Gospic e dopo quattro giorni dalla vittoria contro Livorno in campionato, che ha dato i primi due punti dell’A1 donne stagionale, la formazione di Ricchini vola nelle Canarie. L’appuntamento è alle ore 19,30 di giovedì 6 novembre a Las Palmas de Gran Canaria (le 20,30 in Italia), località che ha nella squadra di basket femminile un vanto. Difatti, la formazione isolana nel 1999 ha vinto la Coppa Ronchetti, “madre” dell’attuale Europe Cup, che ha visto le spagnole piazzarsi in seconda fila nelle edizioni 2000 e 2003.

Per questa stagione della Uefa del basket femminile, la formazione allenata da Domingo Dìaz ha ricorso al turno di qualificazione, piegando nettamente nel doppio confronto (181-118 totale) le austriache del Flying Foxes. Due poi i ko rimediati nei primi match del girone preliminare del girone F, contro Gospic (-12) ed Imperial Ael (-6). Le cipriote al momento sono la sorpresa del raggruppamento di qualificazione ai sedicesimi di finale (4 punti dopo due turni, frutto anche del successo d’apertura sul Cras, che segue a ruota la formazione di Limassol con 3 punti, gli stessi di Gospic, che oggi si recherà a Cipro).

ATTENZIONE ALLE ESTERNE - Nonostante il non buono debutto nella Liga spagnola (penultimo posto, con 5 ko su 6 gare), Gran Canaria si presenta come una minaccia specie per mano delle sue esterne. Attenzione alla guardia croata, ma di nazionalità serba, Kresovic, che viaggia sinora con una media di 16 punti a partita. La cestista di Sibenic proviene già da una buona Europe Cup col Pays Aix, segnando 10 punti a sfida. Ottima l’intesa con la guardia-ala connazionale Knezevic, talento ventunenne, dalla media di 15,5 punti a partita, che ha già in bacheca il mondiale under 19 e l’europeo under 18.

Sotto le plance Gran Canaria si fa rispettare con una coppia del nord Europa (intervallata con la furente spagnola Montesdeoca), olandese-finlandese, formata da Halman (22enne, pimpante con i suoi 9.3 punti a match ma solo con 4.3 rimbalzi) e Sten, produttiva con la media di 11.8 punti. La regia del Cran Canaria è affidata all’idolo di casa, ovvero il playmaker di 27 anni Alamo, lanciata dal vivaio della città esotica.

Alternative interessanti la guardia Rodriguez e soprattutto l’ala brasiliana Flàvia, già avvezza all’aria continentale, come attesta la sua attuale media di 10.3 punti e 6 rimbalzi.

BRILLERANNO LE STELLE ROSSOBLU’? - Il tecnico del Cras Roberto Ricchini fa speranzoso le valigie per il viaggio di Gran Canaria: «Cerco conferme – dice il piemontese – mi auguro che l’aria europea possa offrire maggior vitalità alle mie giocatrici, che domenica sono apparse un po’ contratte sotto il profilo tattico. Probabilmente l’assillo del primo successo in campionato ha tirato un brutto scherzo. Almeno le ho viste battagliare sotto canestro. Ora a Gran Canaria possiamo far bene. Nonostante qualche acciacco».

La schiena di Mahoney fa un pochino le bizze ed il centro Batkovic ha subito un colpo allo stinco nell’allenamento di ieri. Ma nulla di grave, le due cestiste saranno arruolabili. Proprio la guardia americana ed il centro australiano, sono le prime top scorer del Cras in Europa, con la media rispettivamente di 16 e 13 punti. «Ma per vincere a livello internazionale serve una prova corale, dunque in Spagna ho bisogno del top da parte di ognuno. A partire dalla difesa che, se diventa una morsa, può farci rilanciare in contropiede, sulla carta la nostra miglior arma».

LE FORMAZIONI - CRAS BASKET TARANTO: Zimerle, Greco, Mahoney, Godin, Batkovic; Bello, Siccardi, Sauret-Gillespie, David, Prado. All. Roberto Ricchini, assistente Fabio Palagiano.
GRAN CANARIA LA CAJA DE CANARIAS: Alamo, Kresovic, Knezevic, Halman, Sten; Piipari, Rodriguez, Cabrera, Sanchez Ventura, Flàvia, Montesdeoca, Suarez Perez. Allenatore Domingo Dìaz, assistente Begona Santana.
Arbitri: Johann Jeanneau (Francia) e Shane Bassett (Gibilterra); commissario Fiba: Pedro Jiménez (Spagna).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400