Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 14:28

Cras di nuovo in campo, c’è la Europe Cup

Al PalaMazzola mercoledì (inizio del match di basket alle ore 20,30) arriva la squadra croata del Gospic. In palio punti preziosi per la qualificazione. Il coach Ricchini: «È il momento di sbloccarci. Alla mia formazione chiedo una reazione tecnica e tattica»
Sauret-Gillespie, ala del Cras Taranto (foto Ufficio Stampa/Vito Massagli)TARANTO - «In questo momento delicato, ogni partita del Cras ha un valore fondamentale. Quella contro il Gospic può segnare il nostro riscatto. È ciò che mi aspetto dalla squadra. Sotto il profilo non solo mentale, ma soprattutto tecnico e tattico». Le quattro sconfitte consecutive sul groppone, spingono l’allenatore di Taranto Roberto Ricchini a suonare la carica. Domani, mercoledì 29 ottobre alle 20,30 al PalaMazzola, per il secondo turno preliminare del gruppo F della Europe Cup è in programma la partita tra le crassine e le croate del Gospic Croatia Osiguranje. La formazione ospite, allenata da Zoran Ostric, proviene dal successo di una settimana fa (76-64) ottenuta contro il Gran Canaria. Mentre il Cras è partito col piede spagliato, scivolando a Cipro contro il Kv Imperiale Ael, che ha imposto il severo +17.

ARRIVERA’ LA SVOLTA IN CASA ROSSOBLU’? - Dopo quattro sconfitte consecutive (tre in campionato, una in Europe Cup), l’ambiente crassino chiede il riscatto alle proprie beniamine. I precedenti hanno evidenziato una squadra insufficiente sotto il profilo tecnico e tattico. La ragione? La spiega Ricchini: «Purtroppo – sottolinea l’allenatore jonico – il Cras non ha fatto una vera preparazione, perché tra arrivi ritardati e problemi fisici, il nostro lavoro pre-stagionale è stato frammentato. Le partite hanno rappresentato lo specchio dei problemi, sui quali sto lavorando con la squadra. Ma ora serve una risposta importante. La meritano la società ed il pubblico». Tutte a disposizione del coach per il match di domani. Compresa l’acciaccata Sauret-Gillespie. La novità, in casa Cras, è rappresentata dalla doppia convocazione per la partita delle giovani giocatrici Russo e Masoni. Il regolamento della federazione europea, infatti, prevede l’allungamento del roster sino a dodici cestiste.

PERICOLO GOSPIC - Sei partecipazioni alle coppe europee, 26 successi su 52 partite sinora giocate nella Uefa del basket femminile, un avvio stagionale sostanzioso contro Gran Canaria, una formazione giovane che ha nei centimetri e nella mira armi affilate. Questo è l’identikit, in pillole, del Gospic Croatia Osiguranje, una delle squadre più rappresentative di un basket femminile croato in crescita, come attesta l’attuale numero 32 del ranking mondiale. Indietro invece un’Italia che non sa più vincere, come attesta il gradino numero 47. Attualmente il Gospic lavora solo per la Europe Cup, poiché il campionato croato è nella sua fase preliminare, non riservata alle squadre d’elite come il Gospic.
Il play-guardia lettone Eibele (17 punti contro Gran Canaria, alla quale ha imposto 4 triple su 5 tentativi), l’ala piccola croata Ivezic (19 punti all’avvio europeo), l’ala-pivot americana Augustine (12 punti al battesimo del vecchio continente), la coppia di torri croata formata da Marija Vrsaijko (14 punti contro le spagnole per l’atleta di 195 centimetri) e Zubak. Questo il quintetto titolare del Gospic, che ha nelle “piccole” Gambiraza e Salomek, e nella lunga Ana Vrsaijko alternative verosimili.

Un successo del Cras rilancerebbe le sue quotazioni di classifica e risolleverebbe il morale dell’intero ambiente. Dopo un match Taranto ha 1 punto, che in Europe Cup è assegnato alle sconfitte. Il Gospic ha due punti, frutto del successo. Contestualmente, l’altro secondo match del gruppo F è fissato giovedì 30 in Spagna tra Gran Canaria e Kv Imperial Ael. Passono il turno le prime due del girone, più l’eventuale terzo con le altre sette migliori della competizione caratterizzata dalla formula all’italiana di andata e ritorno.

LE FORMAZIONI

CRAS BASKET TARANTO: Zimerle, Greco, Sauret-Gillespie, David, Batkovic; Bello, Siccardi, Russo, Mahoney, Masoni, Godin Prado. All. Roberto Ricchini, assistente Fabio Palagiano.
GOSPIC CROATIA OSIGURANJE: Eibele, Ivezic, Augustine, Zubak, M. Vrsaijko; Gambiraza, Salopek, A. Dosen, Stilinovic, D. Dosen, Luketic (cap.), A. Vrsaijko. Allenatore Zoran Ostric, assistente Marko Strahinja.
Arbitri: Arbitri: Bekteshi (Albania), Barbara (Malta); commissario Fiba: Tallone (Italia).

Inizio del match alle ore 20.30 al Palamazzola. Biglietto intero al costo di 7 euro, ridotto 4 euro. Disponibili ancora gli abbonamenti, per informazioni e costi si può telefonare alla società presso il PalaMazzola al numero 099-7797246.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione