Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 03:04

L'Apulia Grand Final si conferma ostile agli italiani

Così come per Molinari nella passata edizione, anche Tadini, unico italiano in gara a Savelletri di Fasano (Br), si ferma a +2 (e in 41ª posizione) dopo la prima giornata dell'ultima tappa del Challenge Tour di golf. Guidano il sudafricano Grace e lo scozzese Hutcheon
BRINDISI - Così come accaduto per Edoardo Molinari nella passata edizione, anche Alessandro Tadini, unico italiano in gara nel 2008, si ferma a +2 (e in 41esima posizione) dopo la prima giornata dell'Apulia Grand Final, ultima tappa del Challenge Tour in corso di svolgimento a Savelletri di Fasano (BR).

Il campo del San Domenico Golf si conferma, quindi, ostile agli italiani. Le splendide condizioni atmosferiche, invece, non sembrano aver creato problemi ai tanti giocatori britannici e scandinavi, più avvezzi a condizioni autunnali, e ai giocatori sudamericani. Sul percorso brindisino, quindi, tanto sole e clima primaverile per tutta la durata della prima giornata.

I primi leader dell'Apulia Grand Final sono il sudafricano Branden Grace e lo scozzese Greig Hutcheon. Indietro nella money list (rispettivamente 35esimo e 33esimo), entrambi hanno sovvertito il pronostico con una prestazione che dimostra quanto il livello tecnico dell'edizione 2008 sia sostanzialmente equilibrato verso l'alto.

Per quanto riguarda i «big» in corsa per il successo finale, intanto, il giro migliore è del nordirlandese Gareth Maybin, quarto nella money list e decimo dopo la prima giornata (-4 per lui con cinque birdies). Bisogna scendere alla 12esima piazza per trovare un altro giocatore da top ten nella money list: l'olandese Wil Besseling che ha chiuso il giro a - 3. Più indietro, invece, i primi tre della money list: l'inglese David Horsey è 17esimo ex aequo a - 2, mentre il connazionale Gary Lockerbie e l'olandese Taco Remkes chiudono ex aequo al 21esimo posto a -1.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione