Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 00:01

Cras Taranto, ben ritrovata Europa

Domani (ore 19,30) debutto stagionale in Fiba Cup per le ioniche in casa della squadra cipriota del Kv Imperial Ael. Nelle due precedenti edizioni, il club ha ottenuto i picchi storici, giungendo sino ai quarti della manifestazione. Anche stavolta vuole arrivare lontano
Il tabellone della Fiba CupTARANTO - Ben ritrovata Europa. Domani sera (alle 19,30), giovedì 23 ottobre, nella cipriota Limassol, il Cras Basket Taranto affronterà per la sua quarta volta nella storia (terza consecutiva) la competizione continentale per club Europe Cup. In pratica è il corrispettivo della Uefa del calcio.

Nelle due precedenti edizioni il club rossoblù ha ottenuto i suoi picchi storici, giungendo sino ai quarti di finale della manifestazione. Nel 2007 l'eliminazione da parte di Parma, nel 2008 da parte dell'israeliana Ramla. «Ora ripartiamo con entusiasmo - sottolineano i massimi dirigenti Angelo Basile e Mino D'Antona - con il desiderio di rappresentare la città di Taranto in tutta Europa. Ovviamente consci delle possibilità della squadra di arrivare il più lontano possibile».

Dopo un incontro con gli stessi dirigenti, avvenuto ieri al PalaMazzola, stamane la squadra è partita per la volta dell'isola del Medio Oriente, dove la Kv Imperial Ael è una istituzione del basket femminile, avendo vinto sette scudetti, gli ultimi tre dei quali consecutivi (nel 2008 con 14 successi e 0 ko). Ovviamente il livello del campionato non si può considerare paragonabile alla maggioranza degli altri europei, «ma il Kv Imperial - sottolinea il vicepresidente rossoblù D'Antona - è un avversario da prendere con le pinze, specie davanti al suo pubblico caldo».

NEL NOME DI BRUNSON - Domani sera, nella Melford Arena di Limassol, la grande assente sarà Rebekkah Brunson. Il pivot del Cras, attualmente impegnato nella rieducazione del ginocchio a Sacramento, ha chiuso la scorsa edizione della Europe Cup come miglior rimbalzista (15,7 palle a partita) e terzo cecchino (15,7 punti a match). «Ma il Cras non cerca in Becky un alibi. La squadra c'è e sulla carta è competitiva. Veniamo da due ko in campionato, che mi hanno insegnato i pregi e i difetti del gruppo, con le sincronie da cercare e migliorare. Una vittoria a Cipro di sicuro darebbe una scossa all'ambiente». Questo il commento alla vigilia del match di Europe Cup di Roberto Ricchini. Il coach piemontese ritrova la manifestazione continentale, dopo averla vinta nel 2005 alla guida del Napoli, che allora contava su campionesse come Holland-Corn, Antibe e l'ex Cras Bullett.

Dopo quattro anni Ricchini ci riprova: «Le manifestazioni europee sono tanto stimolanti, quanto sfiancanti. Da domani sino al 27 novembre, ultimo match della fase preliminare della coppa, giocheremo tra Italia ed Europa una volta ogni tre-quattro giorni. Dunque non ci sarà molto tempo per lavorare. Sarà la partita il banco di prova e di crescita delle mie giocatrici». Ricchini ha tutte a disposizione. A Limassol si porta le "dieci" di Parma, che hanno perso in campionato con la Lavezzini, disperdendo nel finale la rimonta a cavallo tra terzo e quarto parziale.

ESPERIENZA EUROPEA - Queste le giocatrici crassine con la più alta esperienza europea: l'ala francese Sauret-Gillespie con 14 coppe alle spalle (7,1 punti la media della scorsa Europe Cup col Cras), il play Zimerle con undici coppe alle spalle (media di 9,4 punti nella scorsa Europe Cup) ed il centro croato-australiano Batkovic, che ha disputato sei competizioni europee sinora, vincendo nel 2004 l'Eurolega col Valenciennes, avendo come compagna l'attuale rossoblù Sauret-Gillespie. Buoni i rendimenti della passata Europe Cup, da parte della guardia Greco (10,5 punti e 9 rimbalzi a sfida) e dell'esterna Mahoney che ha giocato con Parma (13,8+5,8).

«AVVERSARIO DA SCOPRIRE» - Dell'Imperial Ael, Roberto Ricchini non sa molto. Il coach di Taranto, che in Europe Cup avrà come assistente il responsabile del vivaio rossoblù Fabio Palagiano, spiega che «una volta in campo dovremo studiare l'avversario. La partita, in corso d'opera, ci suggerirà la strategia giusta». Un quintetto equilibrato, con una discreta esperienza internazionale, ed un paio di cambi verosimili. Questo suggerisce la carta circa la formazione allenata da Linos Gavriel.

Due le americane a sua disposizione. Una proviene dalla stagione giocata in Wnba (media modesta di 3,4 punti e 2,1 rimbalzi) con i Seattle Storm. È l'ala '83, 188 cm., Shyra-Quontae Ely, alla prima esperienza in Europa. Idem per la 23enne guardia (178 cm.) Natasha Lacy, che proviene da un buon campionato universitario, giocato con la texana El-Paso alla media di 13 punti ed il 43,5% nel tiro dal campo.

Nel segno dei Balcani e dell'Est il resto della squadra. A partire dalla guardia della Bosnia Erzegovina Azra Becirovic (media di 9 punti nella scorsa Europe Cup); dalla collega di reparto, serba, Biljana Pesovic, che nel 2006 con la polacca Vojvodina si mise in mostra in Europe Cup col trend di 12 punti a gara. Nel loro reparto anche la brava tiratrice rumena Ancuta Stoenescu, che ha giocato in Grecia con lo Sporting Atene nel 2005.

Qualche pericolo sotto le plance, visti i 2 metri di altezza del centro 24enne di Belgrado Ivona Jerkovic. 8,5 punti e 3 rimbalzi la media del "gigante" dell'Ael nella scorsa Europe Cup. Compagna, sotto i vetri, è il centro serbo di 188 cm. Milena Vukicevic. 3,8 punti e 2,8 rimbalzi la sua media nella scorsa Europe Cup.

A CACCIA DELLA QUALIFICAZIONE Da stasera, mercoledì 22 ottobre, prende il via la fase preliminare della Europe Cup del basket femminile. Il girone F del Cras apre i battenti domani. Taranto giocherà in casa del Kv Imperial Ael, mentre le altre concorrenti sono Gospic e Gran Canaria. Il match si giocherà alle 18 in Croazia. I 32 posti dei sedicesimi di finale saranno assegnati con questo criterio: passano direttamente il turno le prime due squadre di ciascun girone, più le migliori otto terze classificate secondo il criterio del miglior quoziente offensivo.

Il Kv Imperial Ael è alla terza partecipazione in Europe Cup. Nel 2007 ha perso le sei partite preliminari. Meglio il cammino del 2008, essendo arrivata ai 16mi di finali (eliminazione per opera di Venezia), con il bilancio di 4 vinte e 6 perse. Tre Europe Cup sinora alle spalle per il Cras, che in totale ha 20 vittorie su 28 partite giocate. Due quarti di finale raggiunti nelle ultime due edizioni.

LE FORMAZIONI

KV IMPERIAL AEL: Becirovic, Pesovic, Ely, Lacy, Vukicevic, Jerkovic, Stoenescu, Zaryts'ka, Menelaou, Theodorou, Larkou, Ionova, Kouzi, Athanasiou. Coach Linos Gavriel; assistent coach Christos Spirou.

CRAS BASKET TARANTO: Bello, Zimerle, Greco, Siccardi, Sauret-Gillespie, Mahoney, Batkovic, Godin, David, Prado. Coach Roberto Ricchini; assistent coach Fabio Palagiano.
Arbitri: Bekteshi (Albania), Barbara (Malta); commissario Fiba: Tallone (Italia).

Inizio del match alle ore 19.30. Diretta web sul sito www.fibaeurope.com

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione