Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 23:32

Virtus Molfetta, niente da fare a Siena

I baresi perdono nell'anticipo della terza giornata della A Dilettanti di basket. I biancoazzuri capitolano 87-72 sotto i colpi di un'avversaria chirurgica nel tiro e aggressiva in difesa. Domenica Fossombrone-Potenza, Trapani-Matera e Ostuni-Sant'Antimo
Il capitano Andrea Maggi (Virtus Molfetta)MOLFETTA - Niente da fare per la Nuova Virtus Molfetta. Nella splendida cornice del Pala-Sclavo di Siena i biancoazzuri capitolano 87-72, sotto i colpi di una Virtus Siena chirurgica nel tiro e aggressiva al punto giusto in difesa, pagando a caro prezzo un secondo quarto poco lucido e i carichi di falli di Maggi e Longobardi.

Molfetta parte con il quintetto composto da Maggi, Nanut, Mapelli, Longobardi e Di Marcantonio; Siena risponde con Tomasiello, Marcante, Cournooh, De Min e Casadei. Nei primi minuti lo spauracchio della difesa senese è Di Marcantonio, che approfitta del predominio fisico sotto-canestro e dei continui raddoppi su Longobardi per realizzare indisturbato.

Dall'altra parte sono De Min a Marcante a colpire più volte la difesa molfettese. In attacco la Virtus si affida molto, forse troppo, al tiro da tre punti, con scarsi risultati. Per fermare lo strapotere di Di Marcantonio coach Salieri schiera il totem di 2 metri e 22 Cuccarolo, e cosi nel primo quarto regna l'equilibrio, e lo dimostra il 22-19 per i locali con cui si chiude il primo quarto, con la tegola per la Virtus del terzo fallo di Andrea Maggi, che lascia il campo poco prima della chiusura del quarto per far debuttare Flavio Parrino, rimasto ai box nei primi due turni per un infortunio alla schiena.

Nel secondo quarto senza la guida di Maggi la Virtus perde colpi, abusando del tiro da tre punti con percentuali terribili (3/21 dopo 20 minuti) e subendo a ripetizione le ripartenze veloci di Tomasiello e De Min. Longobardi fa fatica a procurarsi tiri puliti, sempre raddoppiato e gli esterni non puniscono: è cosi che la Virtus si ritrova sotto 43-29.

Siena trova la maggior parte dei suoi punti in penetrazione, e cosi Carolillo opta per una zona 2-3, che sembra poter cambiare il volto del match. Siena inizia a fare fatica e nella fase centrale del terzo quarto vede minimizzarsi il suo vantaggio fino al -0 (53-43), ma è lì che finisce la buona verve dei molfettesi, privati ancora di Maggi a causa del suo quarto fallo, ricacciati indietro da un parziale di 9-2 con il gioco da tre punti di Cuccarolo e le triple di seguito di Casadei e Marcante. Il quarto parziale si apre con il quarto fallo di Longobardi, dopo che la sfortuna dimostra la sua presenza tra le fila bianco-azzurre con l'incredibile autocanestro di Longobardi e serve solo ad aggiornare il massimo vantaggio ospite (+20 sul 64-46 a chiudere il parziale di 11-3 che spacca in due il match e +22 sul 70-48).

Poi Longobardi e Di Marcantonio, migliori realizzatori della serata per la Virtus, ricuciono il gap sino al risultato finale di 87-72, firmato dalla schiacciata di Cournooh. Molfetta esce sconfitta, tradita dalle percentuali al tiro dei suoi esterni, in giornata poco felice, e punita severamente dalle triple dei vari Marcante e Casadei. Domenica prossima si torna in casa contro Trapani in un altro incontro in cui si partirà senza i favori del pronostico.

IL TABELLINO

Virtus Siena - Centro Auto Ford Virtus Molfetta 87 - 72
Parziali: 22-19, 43-29, 62-46, 87-72.

Siena: Cournooh 10, Terrosi ne, Alessandri 4, Furlanetto 5, Casadei 19, Visigalli ne, Cuccarolo 10, Marcante 19, De Min 14, Tomasiello 6. Coach: M.Billeri.

Molfetta: Maggi 6, Mapelli 1, Parrino 3, Stijepovic 5, Longobardi 27 , Nanut 6, Leo 4, Puglia ne, Di Marcantonio 20, Gadaleta ne. Coach: S.Carolillo.

Arbitri: Stefano Dal Bosco di Padova e Gianguido Vanni degli Onesti di Udine.
Note: presenti circa 20 sostenitori molfettesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione