Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 17:31

Minafra: «Vogliamo restare in vetta alla classifica»

Il Bari Volley è capolista, con Molfetta e Spoleto, del girone C della serie B1 maschile di pallavolo. Nel quinto turno (sabato 18 alle 18,30) giocherà in trasferta nella città dei trulli contro FasanoAlberobello. Lo schiacciatore e capitano: «Li conosciamo bene»
Pino Minafra, capitano del Club Atletico Bari VolleyBARI - In vetta dopo tre anni. La sofferta vittoria nel derby con i leccesi dello Squinzano ha consentito al Club Atletico Bari Volley di riassaporare il prelibato gusto del primato in classifica, cosa che non accadeva dalla penultima giornata del campionato 2005/2006, quello che portò ad una storica promozione in serie A2. Ma Minafra e compagni, per nulla appagati dal raggiungimento del vertice della graduatoria, peraltro in coabitazione con Molfetta e Spoleto, preparano nei minimi dettagli il difficile derby esterno con il Fasano-Alberobello (si gioca sabato 18 nella città dei trulli).

«Fa sempre piacere essere lassù - attacca capitan Pino Minafra, protagonista degli ultimi due successi consecutivi del club gialloblu - ma si tratta di una leadership quasi casuale, considerato che la classifica è cortissima: in appena due punti ci sono ben otto squadre, il che la dice lunga sulla competitività di un campionato che dopo quattro giornate non ha ancora trovato un vero padrone. Faremo di tutto però per mantenere il primato il più a lungo possibile nel tentativo di raggiungere gli obiettivi ambiziosi che la società si è posta in questa stagione».


Il primo durissimo scoglio da superare per conservare la vetta della classifica è il Fasano-Alberobello di Mister Leo Sportelli, secondo tecnico della compagine del presidente Vastano nell'anno della serie A2. «Una squadra che conosciamo benissimo - continua lo schiacciatore trentanovenne, bandiera della formazione barese - dal momento che ci alleniamo spessissimo con loro. Ci aspetta una vera battaglia: Fasano-Alberobello è una delle realtà più interessanti di questo inizio di stagione e penso proprio che possa risultare una delle sorprese del campionato. Sorpresa poi fino a un certo punto: se scorriamo il roster, troviamo giocatori esperti e navigati con tanti successi alle spalle».

Ma l'uomo più temuto dal martello di Giovinazzo è senza dubbio l'opposto Paolo Guerrieri. «Le nostre sorti dipenderanno molto da come riusciremo ad arginarlo - conferma Minafra -. Il gioco offensivo dei nostri prossimi avversari si basa principalmente su di lui, che attacca il 50-60% dei palloni utili. Sta girando a mille, è davvero in forma. Sarà importante per noi battere bene e tenere la palla ben distante da rete, considerata anche l'altezza dei loro centrali Galdi e Magni. Se riusciamo a non farli giocare nei tre metri, le nostre possibilità di fare risultato aumenteranno notevolmente».

Così come sarà importante trovare quella continuità di rendimento che non è stato certo il pezzo forte del Bari Volley in questa prima fase del torneo. «Su questo si stanno concentrando i nostri allenamenti - conclude il laterale gialloblu -. Non siamo ancora al top, ma, fortunatamente, possiamo contare sulle qualità di giocatori di altissimo livello che possono consentirci di imporci anche quando non tutto gira per il verso giusto. Questo però non deve farci cullare: per mantenere il primato dobbiamo crescere ancora molto come squadra».

Arbitri del match i signori Luca Di Maggio e Danilo De Sensi di Catanzaro, fischio di inizio alle ore 18.30.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione