Cerca

Cras Taranto, Sauret-Gillespie sotto osservazione

Sebbene abbia ripreso gli allenamenti regolarmente, l'ala francese ha noie al ginocchio destro, anche se sono escluse lesioni. La squadra intanto è al lavoro per sorprendere Parma nel secondo turno della serie A1 di basket femminile. L'ex Mahoney: «Possiamo vincere»
Audrey Sauret Gillespie (Cras Taranto)TARANTO - Il Cras taranto (A1 femminile di basket) ha ripreso a lavorare di buona lena, in vista del secondo impegno fissato domenica prossima a Parma contro la Lavezzini, che nella "prima" stagionale di Roma ha sfruttato la gaffe di Sesto San Giovanni, che schierando in campo 4 straniere contemporaneamente ha visto vanificare il suo successo sul parquet, perdendo per 0-20 a tavolino. La partita è fissata domenica 19 alle ore 18 a Parma. Arbitreranno il genovese Canestrelli ed il fiorentino Fabiani.

SAURET-GILLESPIE, NOIE AL GINOCCHIO - Sebbene abbia ripreso ieri gli allenamenti regolarmente al PalaMazzola, l'ala francese Audrey Sauret-Gillespie è sotto osservazione da parte dell'equipe medica del Cras. Martedì sera la giocatrice transalpina, che contro Faenza ha giocato 14' segnando 2 punti, si è sottoposta ad un'ecografia al ginocchio destro, che le crea fastidio da alcune settimane. L'esame effettuato dal dottor Francesco Ciliberto, presso l'Istituto radiologico di San Giorgio, fortunatamente non ha riscontrato lesioni. Ma resta sotto osservazione il ginocchio dell'atleta, che quattro anni fa aveva subito un'operazione al crociato inferiore. Per individuare la natura del problema, la giocatrice, la quale il prossimo 31 ottobre compirà 32 anni, si sottoporrà ad ulteriori accertamenti. Al momento Sauret-Gillespie resta impiegabile per il match di Parma. Stesso discorso per tutte le altre compagne, compreso il play Monica Bello, che lamenta un leggero risentimento alla schiena.

L'EX DI PARMA MAHONEY: «RISCATTIAMOCI» - Domenica prossima, 19 ottobre, ritornerà al PalaCiti di Parma da ex di lusso. Ora la guardia-ala Megan Marie Mahoney veste la casacca rossoblù del Cras, «che è una grande squadra nella quale mi onoro di giocare». Il match contro Parma? «Durissimo - per la bella bianca del South Dakota - perché loro, sebbene abbiano cambiato cinque giocatrici dello scorso roster, ed abbisognano di sincronia come ha dimostrato la prima uscita, poi graziata dal giudice federale, costituiscono un comparto pericoloso, che è allenato da un bravissimo tecnico».

Scanzani in passato ha lasciato anche un segno sulla storia del Cras. È trascorso circa un ventennio da allora. Ora Taranto sogna con le sue nuove "stelle". Tra queste brilla Mahoney, 25 anni, che nella passata A1 con Parma ha portato un'andatura agonistica di 14,8 punti e 6,3 rimbalzi a partita, dato discreto per un'esterna. Vitalità dimostrata da Megan anche nella passata edizione della Europe Cup, con la Lavezzini: 13,8 punti e 5,8 rimbalzi a match.

Nella prima uscita con la canotta rossoblù Mahoney, in 27 minuti di gioco ha segnato 8 punti e pescato 3 rimbalzi. «Ogni inizio è difficile - sottolinea la cestista americana - lo è stato per me, lo è stato per la squadra, perché ancora ci conosciamo poco e abbiamo vissuto una preparazione caratterizzata da diverse assenze e incidenti di percorso. Ho fiducia nel lavoro dell'allenatore Ricchini, nella professionalità dello staff tecnico-atletico, negli stimoli di compagne stupende e nell'amore di società e tifosi. Con queste armi - sottolinea Megan - il Cras può arrivare lontano».

Un pensiero, l'esterna statunitense lo riserva per l'atleta connazionale Rebekkah Brunson, attualmente impegnata a Sacramento per la fase della rieducazione al ginocchio operato a causa della cartilagine. Per novembre, poi, il forte centro dovrebbe essere a Taranto per iniziare la preparazione fisico-atletica. «Noi aspettiamo questa campionessa - dice Mahoney -, siamo sicuri che Becky recupererà dall'infortunio e ci offrirà una mano per una stagione importante».

EUROPE CUP, DOMANI SI COMPLETA IL GIRONE - Dopo il match in programma domani, 16 ottobre, tra Gran Canaria e Flying Foxes, si deciderà la squadra vincente del turno di qualificazione della Europe Cup femminile, che andrà ad inserirsi nel girone F preliminare del Cras Taranto, attualmente composto dalle cipriote del KV Imperial Ael, dalle croate del Gospic Croatia Ossiguranje e dal club jonico stesso. Favorite per l'accesso al raggruppamento del primo turno le spagnole del Gran Canaria, che in Austria hanno vinto l'andata per 80-62. Chi totalizza il maggior punteggio nell'arco degli 80' passa la fase di qualificazione. La prima sfida della squadra di Ricchini, nella manifestazione continentale della Fiba, è fissata giovedì 23 ottobre, alle ore 19,30 locali di Lymassol (stessa ora italiana), contro la KV Imperial Ael, che è alla sua terza partecipazione consecutiva nella Europe Cup.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400