Cerca

Gallipoli, stadio di calcio senza tribuna stampa

Tra l'altro, domenica scorsa erano presenti, come accade spesso, molti personaggi famosi del mondo del calcio salentino e non solo. Primo fra tutti il patron del Lecce Giovanni Semeraro. Vedere queste persone sedute sui gradoni in cemento non fa fare una bella figura
GALLIPOLI - Domenica scorsa erano presenti a Gallipoli (Prima Divisione di calcio, girone B), come oramai accade spesso, molti personaggi famosi del mondo del calcio salentino e non solo. Primo fra tutti il patron del Lecce Giovanni Semeraro, poi Antonio Toma, indimenticato allenatore della magnifica cavalcata in Eccellenza, attualmente secondo di Antonio Conte al Bari, e tanti altri. Vedere tutti questi personaggi seduti sui gradoni in cemento non fa fare certamente una bella figura al Gallipoli e a Gallipoli, come città. Se poi piove o fa freddo è ancora peggio.

Non parliamo poi delle condizioni in cui sono costretti a lavorare i giornalisti, ancora peggio le televisioni. Insomma, l'attuale campo di calcio "Antonio Bianco" non è certamente un bel biglietto da visita per tutta la città Oramai a Gallipoli arrivano società come Mantova, Perugia, Foggia, Salernitana, Pescara e al campo cittadino manca una tribuna vip e numerata con poltroncine comode ed un ambiente confortevole.

E a questo c'è da aggiungere l'assoluta mancanza di una tribuna stampa dove i giornalisti possano svolgere il lavoro in condizioni dignitose.

Anche per le interviste a fine partita la situazione rasenta il ridicolo. E' assente, infatti, una sala stampa dove poter accogliere giocatori e tecnici. Le interviste vengono fatte all'aria aperta in qualsiasi condizione climatica. E' un problema che si deve risolvere al più presto per l'immagine di Gallipoli.

[r.c.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400