Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 01:21

L'Enel Brindisi batte il Casale sul fil di sirena

Sotto di due punti nelle battute finali nella gara d'esordio della Legadue maschile di pallacanestro, la squadra di Perdichizzi rimonta e vince
• A Dilettanti: Ostuni, prima vinta col batticuore
• B Dilettanti: San Severo e Bernalda da applausi
Brindisi-Casale 67-65BRINDISI-CASALE MONFERRATO 67-65

ENEL BRINDISI: Virgilio (0/3), Parente 2 (0/1, 0/2), Porzingis 9 (3/4, 1/4), Killingsworth 15 (6/10), Caprari 3 (0/3 da 3), Feliciangeli 3 (0/3, 1/2), Cardinali, Hatten 22 (7/8, 2/5), Bruttini 2 /1/1, 0/2), Mocavero 11 (5/5). All. Perdichizzi.
FASTWEB CASALEM: Dowdell 18 (7/12, 1/3), Mathis 13 (6/7), Smith 11 (3/6, 0/1), Rugolo (0/1), Formenti (0/3), 0/3), Pierich 10 (2/4, 2/5), Fantoni 10 (0/1, 2/2), Farrington 3 (0/1, 1/1), Tagliabue n.e., Garofalo n.e. . All. Crespi.
ARBITRI: Pasetto (FI), Bettini (BO) e Masi (FI). PA R Z I A L I : 13-18; 28-32; 45-47, 67-65.
NOTE - Tiri liberi: Brindisi 8/14; Casale M. 11/16. Tiri da due: Brindisi 22/35; Casale M. 18/35. Tiri da tre: Brindisi 5/20; Casale M. 6/15.

BRINDISI - Aveva chiuso la scorsa stagione in trionfo, approdando in Lega Due. Ha iniziato il nuovo campionato con un successo al termine di una gara che ha messo a dura prova le coronarie dei sostenitori della sua squadra. Al termine, Giovanni Perdichizzi lascia il parquet visibilmente contento. È certo, però, che alla ripresa dei lavori, avrà qualcosa da dire ai suoi uomini. Soprattutto ricordando i primi due quarti. Non piace molto il quintetto iniziale

(Parente, Porzingis, Hatten Bruttini, Killingsworth). Qualche «americanata » di troppo ha portato a perdere quattordici palloni. Colpa anche delle gambe molli dovute all'emo zione che ha preso anche chi non avrebbe dovuto conoscerla. Nonostante tutto, contro una Fastweb che è certamente fra le favorite alla vittoria finale, nell'Enel è rimasta sempre accesa la luce, anche se è andata ad intermittenza. Crespi ha ordinato la zona e Brindisi l'ha sofferta. Poi, nella seconda frazione di gara, la musica è cambiata. Perdichizzi ha alzato un po' la voce negli spogliatoi, ha spiegato per filo e per segno cosa andava fatto e gli effetti del «rimproverino» si sono visti.

Così, prima, con Killingsworth ha conquistato il pareggio (37-37) poi è andato anche in vantaggio (41-37) ma ha subito ancora la forza di Dowdell e del nazionale Fantoni che hanno riportato in quota la loro squadra, anche se di soli due punti: 45-47. Nell'ultimo quarto, la determinazione, la grinta, la voglia di non deludere il pubblico e le giocate portate con più raziocinio, hanno fatto sì che l'Enel Brindisi rimontasse del tutto lo svantaggio e con un finale pirotecnico - non concedendo alcunchè all'avversario - conquistasse il primo successo. Un buon auspicio per il prosieguo della stagione. Che si annuncia molto interessante dal punto di vista tecnico e agonistico. Nell'Enel Brindisi davvero di rilievo la prova di Mocavero, il terzo «americano» di Giovanni Perdichizzi.

«È solo la prima vittoria. Dobbiamo vincere almeno altre dieci gare. Quando avremo raggiunto undici successi potremo considerarci salvi. Perché io, oggi, ho il dovere di pensare solo alla permanenza. Poi, se dovesse arrivare qualcos'altro saremo tutti contenti ». Giovanni Perdichizzi ha spento subito facili entusiasmi. «Leggendo» la gara ha affermato: «Da questa partita prendo per buono solo il risultato. Considero veramente eccessivo il fatto che la mia squadra abbia perso quattordici palle. La qual cosa non mi è affatto piaciuta. Negli spogliatoi l'ho detto chiaro e tondo a tutti. Ho parlato duramente spiegando loro che, nonostante tutto eravamo sotto solo di sei punti. Alla ripresa delle ostilità, piano piano, abbiamo iniziato a giocare come sappiamo fare. Tant 'è che, poi, nei secondi venti minuti abbiamo perso solo quattro palle in attacco. Abbiamo concesso pochi secondi tiri ed abbiamo pensato a giocare per obiettivi. Poi, è finita come tutti avete avuto occasione di vedere».

Quale la svolta della gara? «È arrivata nello stesso istante in cui non abbiamo concesso ai nostri avversari di tiurare sotto i nove metri ed abbiamo aumentato il ritmo. È stato quello il momento cruciale dell'incontro » , Marco Crespi, coach della Fastweb, inizia con l'elogio di Brindisi. «È una città che vive per il basket, lo vive con passione con i media, con un pubblico stupendo. Tutto questo dà stimoli a tutti e rende la Legadue un campionato impor tante». Poi, esaminando la partita, ha ammesso: «Brindisi ha vinto perché ci ha creduto sempre. Noi l'abbiamo aiutato a vincere con le palle perse. Ne abbiamo regalate una marea. Abbiamo provato a vincere. Abbiamo anche dimostrato di poterlo fare. Non ci siamo riusciti, ma il merito maggiore va al Brindisi che ha voluto fortemente il successo ».
Franco De Simone

Risultati della prima giornata di andata del campionato di Legadue di basket

Banco Sardegna Sassari-Edimes Pavia 90-83
Carmatic Pistoia-Prima Veroli 71-67
Rimini-Fileni Jesi 90-95
Roseto-Cimberio Varese 78-80
Harem Scafati-Aget Imola 73-70
Livorno-Vanoli Soresina 87-76
Enel Brindisi-Fastweb Casale Monf. 67-65
Trenkwalder Reggio Emilia-Umana Venezia inizio ore 20

Classifica: Banco Sardegna, Carmatic, Foleni, Cimberio, Harem, Livorno e Enel punti 2; Edimes, Prima, Rimini, Roseto, Aget, Vanoli, Fastweb, Trenkwalder e Umana 0. Trenkwalder e Umana una partita in meno.

Prossimo turno (12/10, ore 18.15)

Cimberio-Livorno
Fileni-Carmatic
Vanoli-Roseto
Fastweb-Rimini
Edimes-Trenkwalder
Prima-Harem ore 20
Aget-Banco Sardegna
Umana-Enel

ENEL BRINDISI-CASALE MONFERRATO 67-65

• I risultati del primo turno della Legadue maschile


• A Dilettanti: Ostuni, prima vinta col batticuore
• I risultati del primo turno della A Dilettanti

• B Dilettanti: San Severo e Bernalda da applausi
• I risultati del primo turno della B Dilettanti

• I risultati del secondo turno della C Dilettanti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione