Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 09:04

Il Club Atletico Bari Volley si ritrova a Marcianise

Nella terza giornata della serie B1 maschile di pallavolo (girone C), i baresi cancellano con un secco 3-0 ai campani la brutta prova di Molfetta. Il direttore sportivo Marrone: «Una partita solida dal punto di vista mentale». Nel prossimo turno derby interno con lo Squinzano
Manio Marrone, direttore sportivo del Club Atletico Bari VolleyITALGRAFICA MARCIANISE - CLUB ATLETICO BARI VOLLEY 0-3 (23-25; 21-25; 19-25)

ITALGRAFICA MARCIANISE: Panetto 2, Scialò 10, Santoro 7, Bonito 5, Bonamici 7, De Rosas 13, Sgueglia (L), Ucci 3, Fin, Di Meo, Tartaglione n.e., Picillo n.e. All. Rossano
CLUB ATLETICO BARI VOLLEY: Laterza 2, Di Fino 16, De Tellis 8, Lacalamita 4, Fiore 13, Rinoldo 1, Basile (L), Minafra 10, Carella, Fiorentino n.e., Gelao n.e., Anselmo n.e. All. Lorizio-Bruno
Arbitri: Davide Morgillo di Napoli e Maurizio Gasparro di Salerno.
MARCIANISE: Bp 3, Bs 10, Mp 6; BARI: Bp 1, Bs 7, Mp 11

MARCIANISE - Il Club Atletico Bari Volley ritrova in quel di Marcianise la diritta via che aveva smarrito a Molfetta, superando con un secco 3-0 la formazione campana e riproponendo quel gioco lucido e concreto che tanto aveva impressionato nell'esordio con Chieti e che tanto era mancato nel nefasto derby contro Bonati e compagni. Soffrendo quando c'era da soffrire e limitando al massimo il numero degli errori quando era il momento di schiacciare l'avversario, i ragazzi di Mister Lorizio hanno segnato nella terza giornata della serie B1 maschile di pallavolo (girone C) importanti progressi sul piano della mentalità, mostrando un maggiore adattamento ad un campionato che tende a bocciare chi è solito specchiarsi in se stesso, premiando piuttosto coloro che badano al sodo.

Il tecnico di Castellana Grotte parte con la formazione più collaudata, con Laterza al palleggio, Di Fino opposto, Lacalamita e De Tellis al centro, Fiore e Rinoldo di banda, Basile libero. Marcianise risponde con l'ex Panetto in cabina di regia, Scialò sulla diagonale, Santoro e Bonito centrali, Bonamici e De Rosas schiacciatori, Sgueglia libero.Dopo pochi palleggi una tegola si abbatte sulla compagine ospite: Rinoldo è costretto a dare forfait, sostituito dall'intramontabile capitan Minafra, che riuscirà benissimo nell'intento di non far rimpiangere il forte martello siciliano.

La prima frazione procede a strappi, con Bari che tende ad allungare e i campani pronti a replicare punto su punto. Al momento del dunque però è la formazione del presidente Vastano ad emergere grazie ad un Di Fino in grande crescita, bravo con i suoi muri ed i suoi attacchi a togliere parecchie castagne del fuoco alla sua squadra. Conquistato nel finale il break decisivo, Minafra e compagni non mollano la presa in fase di cambio-palla, aggiudicandosi il primo set con un primo tempo di De Tellis (25-23).

Il vantaggio mette le ali ai ragazzi di Lorizio, che sulla scia dell'entusiasmo, portano immediatamente dalla loro parte l'inerzia del match anche nella seconda frazione, mettendo fieno in cascina in particolare in una rotazione con il palleggiatore Laterza al palleggio. 8-5 alla prima sospensione tecnica, 16-11, alla seconda, Fiore e soci avanzano inarrestabili, gestendo il parziale senza grossi patemi e concedendosi qualche distrazione solo quando ormai il distacco è praticamente incolmabile. È Fiore a portare Bari avanti di due set, mettendo a terra una spettacolare "super" servitagli da Laterza (25-21).

Punti nell'orgoglio, Panetto e soci provano a reagire all'inizio del terzo parziale, mettendo in qualche imbarazzo gli avversari. Gli ospiti devono sudare le proverbiali sette camicie per rimetter in carreggiata il set. E' ancora l'opposto Di Fino a ergersi a protagonista, proponendosi ad alti livelli in battuta, in attacco e a muro e diventando decisivo per il ritorno gialloblu. Un primo tempo di De Tellis completa l'opera per Bari che può festeggiare la seconda vittoria in campionato, la prima in trasferta.

«Una gara magari non di altissimo livello dal punto di vista tecnico, ma solida e lucida da quello mentale - il commento di Manio Marrone, direttore sportivo del club barese - esattamente quella che ci voleva per fare nostra una partita non semplice soprattutto per il fattore ambientale, su un campo ostico, contro una formazione che cercava in casa punti preziosi. Siamo stati bravi a giocare con la testa, senza mai mollare, restando sempre ben attaccati alla partita. È questo lo spirito giusto per affrontare un torneo che non ti perdona nulla». Nel prossimo turno ragazzi di Lorizio in cerca di conferma, nel derby casalingo con i leccesi dello Squinzano.

• Il programma delle gare di B1 e B2 maschili e femminili

• Le gare del secondo turno della serie A1 maschile
• Il calendario della serie A1 maschile

• Le gare del secondo turno della serie A2 maschile
• Il calendario della serie A2 maschile

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione