Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 01:45

Passiwan è la ciliegina sulla torta del Dream Team

Colpaccio di mercato finale dei campioni d'Italia del Taranto (A1 di basket in carrozzina): ingaggiato il pivot della nazionale tedesca, reduce da un'ottima Olimpiade, top-scorer per ben dieci volte nella Bundesliga con una media di 36,2 punti nell'ultima stagione
Dirk Passiwan (Dream Team Taranto) con la maglia della GermaniaTARANTO - È il colpo di mercato finale, quello che assestano soltanto le grandissime società. Il Dream Team Taranto, campione d'Italia in carica, chiude la sua campagna acquisti con quella che si definisce la classica ciliegina sulla torta. Da ieri infatti ad un roster già ricchissimo di talento si aggiunge un altro fuoriclasse assoluto: Dirk Hans Passiwan, il pivot della nazionale tedesca.

Nato il 13 ottobre del '76 a Treviri, città a quindici chilometri dal confine tedesco con il Lussemburgo, Dirk inizia a giocare a wheelchair basket nel 1990 con la RSC Rollis Trier, squadra natia in cui resta fino al '98. Il 1995 è l'anno della sua esplosione: Dirk trascina l'RSC alla finale di Coppa di Germania e ad uno storico quarto posto in campionato chiudendo la stagione da top scorer. È un titolo che il pivot conquista anche nei tre anni successivi (nel complesso lo vincerà per bene dieci volte) e nel 1999 passa al GSG Saar.

Nelle annate 2000-01 torna sul tetto dei marcatori e nel 2002 rimpatria al Rollis Trier. La stagione successiva però cede alle lusinghe dei pluricampioni del Lahn-Dill, con cui conclude la prima divisione tedesca al secondo posto. Nel 2004 arriva il definitivo ritorno a Treviri, con cui vince a ripetizione il titolo da top-scorer (salta solo l'annata 2005, in cui è terzo) e nel 2006 piazza un record ancora imbattuto nella Bundesliga realizzando la bellezza di 78 punti in un match.

Strepitosa la media dell'ultima stagione (36.2 punti) ma ottimi anche i risultati ottenuti con la maglia della sua nazionale, che indossa dal 2006 (e con la quale ha collezionato 39 presenze) e che ha condotto fino al quinto posto nelle recenti Olimpiadi di Pechino.

«I numeri parlano per lui - il commento entusiasta dell'amministratore delegato Vito Mastroleo-. Con Dirk abbiamo costruito una squadra che non ha nulla da invidiare a quella della passata stagione». Soddisfatto dall'ultimo grande colpo di mercato anche il presidente-allenatore Egidio L'Ingesso: «Dirk è un punti 4.5 completo, con un tiro da tre strepitoso ed una capacità innata di farsi trovare sempre nel posto giusto. Il suo arrivo ci completa definitivamente: io e Ezio Confessa siamo convinti di avere fra le mani un grande gruppo».

Con Passawen le possibilità di alternare i quintetti si moltiplicano. «Proprio così: possiamo schierarci con tre lunghi, ma possiamo anche avvicendare diverse tipologie di gioco. Incominceremo a lavorare con Dirk quando arriverà a Taranto, all'inizio della prossima settimana, e vedremo di studiare tutte le soluzioni possibili».

A Ness, Six, Norris e Bader sono subentrati campioni della levatura di Mazzi, Counts, Dror e Passawen: come si presenta il Dream Team ai nastri di partenza di questa nuova annata? «Un ricambio generazionale dopo il trionfo in campionato era ipotizzabile ma sapevamo che trovare dei sostituti degni dei partenti sarebbe stato assai difficile. Adesso però posso dire senza alcuna remora che questo Dream Team può ambire agli stessi traguardi dell'ultima stagione. Nello spogliatoio sento una grande convinzione e non vediamo l'ora di scendere in campo per dimostrare di non essere affatto sazi».

Intanto gli allenamenti proseguono tutti i giorni al Palamazzola dalle 19,15 alle 21 ed in attesa della prima giornata di A1 del 18 ottobre contro Giulianova, il Dream Team scenderà in campo due volte. Il 9 ottobre capitan Di Bennardo e compagni saranno a Bari per affrontare una rappresentativa di atleti pugliesi nell'ambito della giornata "Enel Cuore", dedicata al mondo dei diversamente abili. L'11 e il 12 ottobre i campioni d'Italia giocheranno invece ad Amatrice, in provincia di Rieti, in un quadrangolare con Porto Potenza, Giulianova ed Elecom Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione