Cerca

Lazio-Lecce per Stendardo è la partita del cuore

Il difensore sabato alle 18 affronterà da ex la capolista della serie A di calcio: «Sarà speciale giocare all'Olimpico dopo i successi con i biancocelesti, su tutti la partecipazione alla Champions League»
• Allarme per Benussi, ma dovrebbe farcela
LECCE - «È inutile nascondere che la partita di sabato con la Lazio è per il sottoscritto un'emozione particolare». Lo ha dichiarato il difensore Guglielmo Stendardo. «Sarà speciale giocare all'Olimpico dopo aver ottenuto bei successi con la casacca biancoceleste, su tutti la partecipazione alla Champions League e la sfida al Real Madrid. Sì, sarà emozionante: oltretutto sono un giocatore della Lazio, sono convinto che verrà fuori una bella partita. Ho trascorso nella capitale due anni e mezzo stupendi, durante i quali tutta la squadra andò oltre ogni aspettativa. Poi, il club ha deciso di cambiare, sono state fatte delle scelte di natura tecnica, dopodiché tutti hanno fatto le proprie valutazioni. Zarate? Ha grandi numeri, ma non dimentichiamo che dovremo fare grande attenzione anche ad altri elementi importanti come Pandev e Foggia. Zarate è la sorpresa positiva della squadra, che è compatta e viaggia sulle ali dell'entusiasmo, e proprio per questo sabato la partita sarà particolarmente dura. Non dimentichiamo che si giocherà nel calore dell'Olimpico. Lo spogliatoio della Lazio? Quando arrivano i risultati, è ovvio che si resta compatti. Il mio futuro? Ripeto: sono orgoglioso di essere un giocatore della Lazio».

• Allarme per Benussi, ma dovrebbe farcela

• Il programma delle gare del sesto turno della serie A

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400