Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 15:06

Paparesta: «Ho fiducia nella giustizia sportiva»

L'ex arbitro ascoltato dalla Camera di conciliazione e arbitrato per lo sport del Coni, cui ha presentato ricorso contro l'esclusione dagli organici della Can. Il legale del barese: «Provvedimento privo di valutazione tecnica. Se necessario ci rivolgeremo al giudice ordinario»
Paparesta: «Ho fiducia nella giustizia sportiva»
ROMA - «Ho fiducia nella correttezza e nell'equità del giudizio e nell'organismo che è all'interno del sistema sportivo». Lo ha detto l'ex arbitro barese Gianluca Paparesta, al termine dell'udienza presso la Camera di conciliazione e arbitrato per lo sport del Coni. Paparesta, che ha presentato ricorso contro l'esclusione dagli organici arbitrali della stagione in corso, ha aggiunto: «Spero che sia questo l'ambiente idoneo per valutare fatti di carattere sportivo. Mi auguro che non ci sia bisogno di proseguire oltre». «Credo che i documenti - ha proseguito Paparesta - dimostrino le motivazioni per le quali stiamo ricorrendo. Sono documenti talmente chiari ed oggettivi che è difficile anche aggiungere altro».

L'ex direttore di gara è stato accompagnato all'udienza dal suo legale Gianluigi Pellegrini che ha sottolineato come «sia stato assunto un provvedimento odioso e privo di qualsiasi valutazione tecnica a carico di Gianluca. Noi riteniamo che siano state violate delle regole sportive e che non siano stati rispettati i legittimi interessi del mio assistito. Per tutto questo ci siamo rivolti all'istanza che ha competenza in materia».

In merito al giudizio da parte della Camera di conciliazione e arbitrato per lo sport, l'avvocato ha sottolineato: «Ora attenderemo con la stessa serenità mostrata in tutto questo periodo. Riteniamo però che siano stati violati dei diritti e degli interessi rilevanti e quindi eventualmente ci si potrà rivolgere anche al giudice nazionale (Tar e Consiglio di Stato, ndr)».

L'avvocato Pellegrini, però, ha anche dichiarato che «è prematuro adesso parlare di queste cose. Attendiamo con fiducia questo giudizio che dovrebbe arrivare tra circa 20 giorni poiché ci hanno dato 15 giorni per le memorie». Paparesta aveva presentato ricorso d'urgenza contro la Federcalcio, l'Associazione nazionale arbitri e il Consiglio nazionale dell'Aia, per la sua esclusione dall'organico dei direttori di gara dell'attuale stagione sportiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione