Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 16:00

Aperta la XXIX edizione dei Giochi olimpici

Se i Giochi saranno o meno un successo bisognerà aspettare la fine. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, allora la premesse ci sono tutte. Una cosa è certa: Pechino e il popolo cinese non dimenticheranno mai l'Olimpiade. Trattamento speciale per l'Italia
Aperta la XXIX edizione dei Giochi olimpici
LPECHINO (CINA) - Se i Giochi saranno o meno un successo bisognerà aspettare la fine. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, allora la premesse ci sono tutte. Una cosa è certa: Pechino e il popolo cinese non dimenticheranno mai questa Olimpiade. Il «Nido d'Uccello» è da subito un tributo di colori e luci, gli applausi del pubblico scandiscono il conto alla rovescia rendendo quasi vani gli sforzi dei conduttori che cercano di coinvolgere gli spettatori: non ce n'è bisogno, la festa sugli spalti è già partita. Le bandierine di Cina e Giochi sventolano con cori e applausi che fanno da sottofondo e più viene spiegato loro come scandire i vari momenti della cerimonia, più l'entusiasmo sale. Un'ovazione viene riservata al presidente della Cina, Hu Jintao, e a quello del Cio, Jacques Rogge, mentre fuori le strade si svuotano e tutto si ferma in attesa del grande momento. Nel corso dello spettacolo il pubblico alterna momenti di ossequioso silenzio a grida e applausi pieni della passione di chi sa di assistere a un momento storico.
FESTEGGIATA ANCHE L'ITALIAQuando poi comincia la sfilata nessuno si contiene più e lo scroscio diventa assordante fino al boato che accoglie le delegazioni di Taipei e Hong Kong ma c'è spazio anche per un omaggio all'Iraq, alla Russia e agli Stati Uniti. Del resto, per Pechino è festa e allora quale migliore occasione per mettere da parte i rancori di ieri e di oggi.Festeggiatissimi anche Dirk Nowitzki, Kobe Bryant e Roger Federer, ancora numero uno nel cuore dei tifosi cinesi, e anche alle delegazioni di Italia e Australia viene riservato un trattamento speciale. Ma il «Nido d'Uccello» diventa un solo e lunghissimo boato al momento dell'ingresso della Cina: l'orgoglio di essere sotto gli occhi del mondo fa quasi esplodere di gioia le migliaia di spettatori sugli spalti.
EMOZIONE PER LI NING - Il silenzio torna giusto il tempo per i discorsi di Liu Qi, presidente del Bocog, e Rogge, poi ancora festa e passione, con la spettacolare accensione del braciere che segna l'inizio di tutto. «Il momento più emozionante è quando Li Ning è volato in cielo», le parole di Chen Zheyun, un pensionato che ha assistito alla cerimonia con il nipotino. «La Cina è grande - aggiunge Lu, 27 anni - abbiamo una squadra bellissima, avete visto quanto è alto Yao Ming? Era la prima volta che lo vedevo dal vivo». Per la signora Li, accompagnata dal figlio 17enne, è stata una «cerimonia incredibile, abbiamo mostrato la nostra storia al mondo. L'emozione più grande è stata però vedere tanti atleti, di tante nazioni diverse, tutti insieme».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione