Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 19:51

Il nome non dà sempre garanzie: è Roberta Vinci

La tennista tarantina, 25 anni fa, è una delle due atlete iscritte al torneo di doppio che si svolgerà alle Olimpiadi di Pechino (8-24 agosto). Insieme a Mara Santangelo cercherà di eliminare le coppie avversarie. La finale è in programma il 17. Ma non chiedetele miracoli
Il nome non dà sempre garanzie: è Roberta Vinci
La tarantina Roberta VinciVinci Roberta. Scritto così potrebbe essere un augurio. Oppure sembrare un imperativo. Di certo non le si può chiedere di fare l'impossibile. La tennista, nata a Taranto 25 anni fa, è una delle due atlete iscritte al torneo di doppio che si svolgerà alle Olimpiadi di Pechino (8-24 agosto). L'altra è Mara Santangelo, 27 anni. Insieme cercheranno di eliminare le coppie avversarie. Nella specialità la pugliese è n° 203 della classifica mondiale (mentre la compagna è n° 40). Si capisce come la partecipazione ai Giochi sia già un bel traguardo, visti anche i risultati ottenuti nell'ultimo periodo. In questa stagione la Vinci ha anche messo in fila una serie di eliminazioni al primo turno, soprattutto a causa di intoppi fisici. Agli Internazionali di Roma di maggio, dove ha invece vinto la prima gara in tabellone contro l'estone Kanepi, dichiarò di aver pensato addirittura al ritiro dopo un serio inforunio al ginocchio. La partecipazione olimpica le ha dato la forza di risalire la china. Sono tornate anche le vittorie. Ma a contare saranno quelle che riuscirà a conquistare a partire dal 10 agosto (eliminatorie dalle ore 10), giorno in cui inizieranno le sfide all'Olympic Green Tennis Center della capitale cinese (la finale è in programma domenica 17 agosto).

Roberta Vinci (al centro) festeggia la conquista della Fed CupFEDERATION CUP DEL 2006 L'APICE DELLA CARRIERA - Inutile fissare un obiettivo preciso. Le azzurre se la giocheranno giornata per giornata, turno per turno pensando magari di essere in Federation Cup, dove la Vinci ha uno score (sempre in doppio) di undici vittorie in dodici confronti. Il successo nel 2006 in questa competizione (che è l'omologa della Coppa Davis maschile) ha rappresentato il vertice della carriera della Vinci (che proprio in quell'annata ha toccato il record personale nel ranking mondiale di singolare giungendo al 37° posto). Il 17 settembre a Charleroi, l'Italia alzò la Coppa battendo il Belgio padrone di casa per 3-2 (punto decisivo ottenuto nel doppio con Francesca Schiavone), grazie anche a Mara Santangelo e alla brindisina Flavia Pennetta (capitano Corrado Barazzutti). Il titolo di campionessa del mondo, dunque, le resterà a vita, mentre in un torneo il miglior risultato è la semifinale del 2004 al Roland Garros, uno dei quattro tornei del Grande Slam, i più prestigiosi di questo sport.

Vinci (a destra) in coppia con SchiavoneNEL DOPPIO È STATA DODICESIMA AL MONDO - Roberta ha anche sfiorato l'ingresso tra le dieci giocatrici più forti del mondo nel doppio, fermandosi però alla dodicesima posizione nel 2002. A quelli già citati vanno aggiunti un successo (l'unico) in un torneo di singolare (a Bogotà, in Colombia, nel 2007, dopo una finale tutta italiana: sconfitta Tathiana Garbin, ritiratasi per infortunio) e altri tre titoli nel doppio (Doha 2001, Portorose 2005 e Canberra 2006). L'ideale sarebbe chiudere in bellezza, augurandosi che la Vinci abbia completamente superato un risentimento muscolare alla spalla destra. Dopo il 5 (giorno della partenza per l'Asia) inizierà a calarsi nella realtà olimpica e a capire a che punto è la condizione atletica. Sarebbe già tanto riuscire a tornare in Italia rinfrancata, in modo da tentare il rientro tra le prime cento giocatrici del mondo (agli Australian Open, ad inizio stagione, era in 74ª posizione). Ad Atene si fermò con la Garbin ai sedicesimi di finale. Arrivare negli ottavi potrebbe essere più che accettabile. È vero, si chiama Vinci. Ma non chiedetele miracoli.
G. Flavio Campanella

• La scheda di ROBERTA VINCI

• Il sito ufficiale della Federtennis

• Dieci atleti pugliesi alle Olimpiadi di Pechino
• Il sito del Coni dedicato ai Giochi olimpici 2008
• Il sito ufficiale di Pechino 2008

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione