Cerca

Bastianelli positiva a un controllo antidoping

La campionessa mondiale in carica di ciclismo su strada è stata trovata positiva a uno stimolante dall'Uci il 5 luglio scorso all'Europeo Under 23 di ciclismo. È stata esclusa dalle Olimpiadi di Pechino. Duro il presidente del Coni Gianni Petrucci: «Ha tradito»
Bastianelli positiva a un controllo antidoping
Marta BastianelliROMA - L'azzurra Marta Bastianelli, campionessa mondiale in carica di ciclismo su strada, è stata trovata positiva ad uno stimolante ad un controllo effettuato dall'Uci il 5 luglio scorso a Verbania ai campionati europei Under 23 di ciclismo. Bastianelli è tra le convocate per le olimpiadi di Pechino. «Ha commesso un'ingenuità incredibile, è risultata positiva alla flenfluramina: un componente dei prodotti per le diete, lei è fissata sul peso. Mangia solo insalata...». Renato Di Rocco, presidente della federciclismo, sposa la linea 'innocentistà per spiegare la positività dell'azzurra Marta Bastianelli al controllo effettuato il 5 luglio scorso. «Ora - spiega Di Rocco - chiederemo immediatamente le controanalisi. Ma il problema non è solo quello delle Olimpiadi, per le quali lei, che è campione del mondo, ovviamente era convocata. Il problema è la sua immagine e quella del ciclismo...».

ANCHE BALLERINI LA GIUSTIFICA, MA È FUORI DAI GIOCHI - La notizia della positività di Marta Bastianelli ha sorpreso il direttore tecnico generale della nazionale di ciclismo, Franco Ballerini, che guiderà la spedizione azzurra delle due ruote a Pechino 2008. «Di questi tempi non dovremmo sorprenderci di niente - ha detto Ballerini - ma prima di parlare approfonditamente del caso vorrei conoscere a che tipo di metabolita l'atleta è stata trovata positiva. Credo che sia solo una ingenuità». Secondo Ballerini, a mettere nei guai la campionessa del mondo potrebbe essere stato un prodotto di erboristeria che magari conteneva qualcosa di illecito all'insaputa della ciclista.
Intanto però l'atleta è stata esclusa dalla squadra azzurra ai Giochi di Pechino 2008. La decisione è staTa presa dal comitato olimpico italiano. «Se l'analisi verrà confermata saremo inflessibili. Marta Bastianelli ha tradito il Coni, la federazione e il mondo del ciclismo»: è il duro commento del presidente del Coni Gianni Petrucci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400