Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 15:36

Stoner vince ma Rossi rimane in testa al Mondiale

Stoner vince ma Rossi rimane in testa al Mondiale
Motomondiale - Gp di Gran Bretagna DONINGTON PARK (Gran Bretagna) - Seconda vittoria stagionale per Casey Stoner dopo quella arrivata nella gara di esordio in Qatar. L'indicazione più importante dell'ottava gara stagionale sulla pista di Donington Park non riguarda però i 25 punti conquistati dal campione del mondo della Ducati ma bensì il suo strapotere. A tutti è sembrato di riportare le lancette degli orologi alla passata stagione quando Stoner dominava e gli altri arrancavano, Valentino Rossi compreso. L'australiano ha condotto la gara dalla prima curva dopo essere partito dalla pole e non ha mai sofferto la pressione degli avversari chiudendo con quasi 6 secondi di vantaggio su Valentino Rossi. L'italiano del Fiat Yamaha Team rimane ovviamente il leader del mondiale con i suoi 162 punti e allunga il suo vantaggio su Dani Pedrosa, terzo e a quota 151. Stoner di punti ne ha 117 e il ritrovato Jorge Lorenzo, sesto, sale a 104.
I quattro protagonisti del mondiale insomma rispondono presente, ma alla luce di quanto visto oggi potrebbe cambiare qualcosa da qui alla fine. Ne sapremo di più dopo la gara olandese di Assen, in programma sabato 28 giugno. Se la Ducati tornasse davvero ai ritmi della passata stagione tutto si complicherebbe per gli altri. Valentino Rossi non sembra preoccupato, oppure è bravo a mascherare le sue perplessità. Il sette volte campione del mondo (5 volte nella classe regina) tiene a sottolineare che lui è già salito una volta in più sul gradino più alto del podio rispetto ai suoi principali avversari e che in ogni caso siamo lontani dallo strapotere Ducati del recente passato.
Chi risulta essere doppiamente sconfitto dalla gara di Donington Park è Dani Pedrosa, battuto sia da Stoner che da Rossi dopo la vittoria ottenuta sulla pista di casa che aveva dato nuove concrete speranze per la corsa al titolo. Il compagno di Valentino Rossi, gommato Michelin, ovvero Jorge Lorenzo, può dirsi pienamente recuperato dopo aver subito un intervento chirurgico con trapianto di pelle alla mano destra ferita. Per lui una gara in crescendo fino al sesto posto. Si mantiene sempre tra i big Colin Edwards; l'americano della Yamaha ottiene un buon quarto posto davanti al nostro ottimo Andrea Dovizioso (Honda) che potrebbe diventare il prossimo protagonista del mercato. Per lui potrebbero aprirsi le porte dell'Hrc, oppure quelle di una Yamaha, anche perchè Nicky Hayden potrebbe approdare in Ducati, visto il rendimento in «rosso» di Marco Melandri. Anche oggi un vero e proprio disastro per l'italiano, come dimostra la 16ª posizione finale, davanti al solo James Toseland (Yamaha), doppiato di un giro e coinvolto già dopo la prima curva in una caduta.


LA CLASSIFICA

Valentino Rossi (Italia/Fiat Yamaha) 162 punti
Dani Pedrosa (Spagna/Honda) 151 punti
Casey Stoner (Australia/Ducati) 117 punti
Jorge Lorenzo (Spagna/Fiat Yamaha) 104 punti
Colin Edwards (Usa/Yamaha Tech) 82 punti
Andrea Dovizioso (Italia/Honda) 68 punti
Nicky Hayden (Usa/Honda) 57 punti
James Toseland (Gran Bretagna/Yamaha Tech) 53 punti
Loris Capirossi (Italia/Suzuki) 51 punti

• Nella classe 250 vince il finlandese Kallio (Ktm)
• Nella classe 125, vittoria del 15enne Redding
• Il calendario delle prossime gare

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione