Cerca

L'atleta barlettana

Mezza maratona
Impresa Inglese
è argento europeo

Mezza maratonaImpresa Ingleseargento europeo

ROMA - Medaglia d’argento per la barlettana Veronica Inglese, bronzo a Daniele Meucci nella mezza maratona nell’ultima giornata dei campionati Europei di Atletica in corso ad Amsterdam. Inglese è giunta seconda in 1h10:35 (primato personale) alle spalle della portoghese Sara Moreira (1h10:19), terza un’altra portoghese, Jessica Augusto.

In campo maschile, Daniele Meucci è bronzo (1h02:38), dietro lo svizzero Abraham Tadesse (1h02:03) e al turco Kaan Kigen Ozbilen (1h02:27). A medaglia anche le squadre: quella femminile grazie ai piazzamenti di Incerti (14/a), Console (19/a) sale sul secondo gradino del podio alle spalle del Portogallo e davanti la Turchia, mentre quella maschile è bronzo (oro alla Svizzera, argento alla Spagna) grazie ai piazzamenti di Stefano La Rosa (13/o) e Ruggero Pertile (29/o).

Insomma, i 21,097 chilometri di Amsterdam si sono trasformati in un sentiero d’argento per Veronica Inglese. Alla quarta esperienza in mezza maratona, l’ancora 25enne pugliese è vicecampionessa d’Europa. Primato personale migliorato di 24 secondi e, soprattutto, la consapevolezza di aver cambiato passo. "Stare davanti, lottare per il primo posto è stata una sensazione bellissima. Quasi non ci credo, ma è tutto vero. Del resto ve l’avevo detto che il sesto posto sui 10.000 metri di mercoledì era stata una specie di qualificazione per la mezza maratona di oggi", ha detto l’azzurra.

La medaglia è arrivata al termine di una gara senza timori, subito all’attacco. "Sono partita subito molto determinata e mi sono messa davanti. Mi sentivo bene, poi dopo i primi sei chilometri passati a tirare ho avuto bisogno di riprendere fiato. Quando si è fatta sotto la Moreira, l’esperienza e la forza di una veterana come lei hanno fatto la differenza. Sono arrivata al traguardo che avevo dato tutto perchè questa medaglia la volevo tantissimo e non potevo lasciarmela sfuggire", ha aggiunto la Inglese.

E adesso il pensiero va verso l’Olimpiade di Rio. "In Brasile si torna in pista sui 10.000. Solo ora che ho al collo questo argento, inizio finalmente a realizzare quello che ancora mi aspetta. Onestamente dopo questo risultato sento di essermi meritata ancora di più la qualificazione per Rio", ha detto ancora l’azzurra.

Futuro prossimo la rassegna a Cinque Cerchi ma all’orizzonte dell’atleta dell’Esercito c'è una strada più lunga. "E' quella della maratona. Ci stiamo lavorando e tra non molto mi metterò alla prova anche sui 42 chilometri. Quello è il mio futuro", ha puntualizzato la Inglese.

Veronica arriva da Barletta, la città del mito Pietro Mennea. Oggi a fare il tifo per lei lungo il percorso c'erano anche mamma Marta e papà Michele, i suoi primi tifosi. "Non posso che dire grazie alla mia famiglia per il sostegno che, insieme a tutti quelli che mi vogliono bene, mi hanno permesso di togliermi tante soddisfazioni. Grazie al mio gruppo sportivo e alla federazione che hanno creduto e investito su di me", ha concluso l’odierna medaglia d’argento italiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400