Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 16:12

L'Italia del volley parteciperà ai Giochi di Pechino

Sette vittorie su sette e gli azzurri volano in Cina. Un percorso netto quello della squadra di Anastasi al torneo di Tokyo, dove in palio c'era l'ultimo biglietto utile per le Olimpiadi. L'Italia ha staccato il suo pass superando anche l'Argentina al tiebreak
L'Italia del volley parteciperà ai Giochi di Pechino
Il tarantino Luigi MastrangeloROMA - Sette vittorie su sette, e gli azzurri volano a Pechino. Un percorso netto quello della squadra di Anastasi al torneo di Tokyo, dove in palio c'era l'ultimo biglietto utile per i giochi olimpici. L'Italia ha staccato il suo pass superando 3-2 anche l'Argentina nell'ultima giornata e chiudendo così imbattuta il torneo.
L'Italia si appresta a giocare per la nona volta nell'ambito olimpico, ininterrottamente dal 1976, a dimostrazione della validità di una scuola che da oltre 30 anni continua a forgiare atleti di massimo livello internazionale. Non è stata una qualificazione facile, la strada dopo il sesto posto degli Europei di settembre a Mosca era divenuta in salita. Esclusa dalla Coppa del Mondo, la squadra azzurra, dopo il ritorno di Anastasi in panchina, falcidiata dagli infortuni non era riuscita a conquistare il biglietto per la Cina nella qualificazione continentale. Ma all'ultima possibilità l'obiettivo è stato centrato. Una qualificazione che ripropone l'Italia come squadra d'elite, capace di qualsiasi impresa e che pu¢ affrontare con grande serenità l'avventura di Pechino, cercando di stupire ancora una volta e di salire per la quarta volta consecutiva, dopo Atlanta, Sydney ed Atene.
La partita con l'Argentina è stata dura e combattuta. I sudamericani nonostante fossero già esclusi hanno lottato sino alla fine, non si sono arresi nemmeno sullo 0-2 rimontando e mettendo in difficoltà Anastasi e i suoi ragazzi che hanno reagito benissimo e nel quinto set hanno imposto la loro forza. Grande partita collettiva, con il capitano Cisolla e Fei capaci di sfruttare al meglio le invenzioni di Vermiglio; con Mastrangelo e il veterano Bovolenta decisivi nei momenti fondamentali, con il libero Manià inesauribile a volare da una parte all'altra del campo.
È stata anche la partita di Matteo Martino, il nuovo talento del volley italiano, mai così determinante in azzurro come nella gara odierna. È stato suo l'attacco vincente che ha chiuso la partita ed il torneo, un segno che vogliamo leggere come l'inizio di un nuovo periodo di successi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione