Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 07:19

Motomondiale/Cina - Nelle prove libere spettacolare caduta di Lorenzo

Lo spagnolo della Yamaha - 20 anni - è volato in aria, per poi fratturarsi il malleolo sinistro e riportare contusioni all'altro piede. In dubbio la sua partecipazione al Gp di domenica 4 maggio • Il video dell'incidente
Motomondiale/Cina - Nelle prove libere spettacolare caduta di Lorenzo
SHANGAI (Repubblica Popolare Cinese) - Reduce dal successo ottenuto nel precedente Gp del Portogallo, Jorge Lorenzo è incappato in una brutta caduta nella prima sessione di prove libere del Gp della Cina classe MotoGp. Lo spagnolo della Yamaha è volato in aria, sbalzato dalla moto, all'uscita di una "esse", quando mancavano ventun minuti alla conclusione del primo dei tre turni di libere. Prontamente soccorso, lo spagnolo, che ha sbattuto violentemente un ginocchio e il casco sull'asfalto, è stato trasferito in ambulanza al centro medico del circuito per accertamenti. Moto - La caduta di Lorenzo a Shanghai
Ogni decisione sull'eventuale presenza di Jorge Lorenzo al Gp della Cina verrà presa soltanto domani. È quanto fa sapere la Fiat Yamaha commentando lo spettacolare incidente occorso in mattinata al pilota spagnolo, che nella caduta ha rimediato la frattura del malleolo sinistro oltre ad alcune contusioni nell'altro piede. Dopo i controlli effettuati all'ospedale di Huashan, il team di Lorenzo fa sapere che le condizioni del 20enne leader della Motogp «verranno nuovamente valutate domani». Per il dottor Claudio Costa, direttore della Clinica Mobile, «la diagnosi mostra la violenza del trauma a entrambi i piedi. Adesso - spiega - Jorge ha una sfida difficile da affrontare se vuole partecipare alle qualifiche di domani e alla gara di domenica».

La sessione è stata a lungo dominata da Casey Stoner con Ducati. L'australiano ha scritto il suo nome sulla riga più alta dei monitor fino agli ultimi cinque minuti. Poi, autore di un gran giro, un ritrovato Valentino Rossi (Yamaha) ha fatto segnare il miglior tempo in 1'59"906, contro i 2'00"3218 di Stoner. Terzo s'è piazzato Daniel Pedrosa (2'00"819), davanti ad Andrea Dovizioso (2'00"974). Sesto s'è piazzato Loris Capirossi (Suzuki, in 2'01"249), 13/mo Alex De Angelis (Honsa,in 2'02"091), ultimo un sempre più deludente Marco Melandri (Ducati, in 2'04"857).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione