Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 14:54

Calcio / Serie B - Il Bari accelera

Jadid sblocca subito il punteggio al San Nicola contro la Triestina. Gli ospiti reagiscono, ma i biancorossi tengono, raddoppiano nel finale (Desideri) e li raggiungono a quota 42. I biancorossi, ormai salvi, proseguono la scalata in classifica. Sabato Brescia-Bari
Calcio / Serie B - Il Bari accelera
Antonio ConteBARI-TRIESTINA 2-0 (1-0 nel primo tempo)

Bari (4-4-2): Gillet, Galasso, Belmonte, Masiello, Marchese, Jadid (25' st Desideri), Carozza (1' st Rajcic), Gazzi, Bonanni (12' st Strambelli), Cavalli, Lanzafame. (Spadavecchia, Di Dio, Ladino, Ganci). All.: Conte.
Triestina (4-4-2): Dei, Kyriazis, Petras, Minelli, Pesaresi (32' st Rizzi), Tabbiani, Piangerelli, Princivalli, Sgrigna (22' st Sedivec), Granoche, Della Rocca (15' st Babù). (Acerbis, Milani, Lima, De Cristofaro). All.: Maran.
Arbitro: Cavarretta di Trapani.
Reti: nel pt 6' Jadid; nel st 44' Desideri.
Angoli: 6-2 per la Triestina.
Recupero: 1' e 3'.
Ammoniti: Jadid per gioco non regolamentare, Carozza, Strambelli, Minelli per gioco falloso.
Spettatori: 4.037.


BARI - Missione-aggancio compiuta: il Bari, allenato da Antonio Conte, grazie a una prestazione concreta e determinata, ha battuto per 2-0 la Triestina (primo stop dopo quattro successi consecutivi), raggiungendo così proprio giuliani in classifica e mettendosi per la prima volta nel corso dell'attuale campionato di Serie B nella parte sinistra della graduatoria (grazie anche al quinto risultato utile consecutivo).

Penalizzato da cinque assenze, il Bari ha perso brillantezza e originalità nella manovra (si è sentita la mancanza di Donda in regia), ma nel complesso è stato premiato dalla grande capacità di finalizzazione delle poche occasioni create. Sul piano del gioco Belmonte e Masiello hanno marcato in maniera impeccabile Granoche e Della Rocca, mentre in attacco Lanzafame è stato ben controllato da Minelli.

L'avvio è stato di marca giuliana: Granoche in 5' ha avuto due nitide palle-gol, ma è stato il Bari a passare in vantaggio al primo affondo, grazie a un cross di Bonanni deviato in rete da Jadid. Le due squadre si sono affrontate a ritmo blando, pagando dazio al primo caldo di stagione e, solo nel finale, la porta di Gillet ha corso un pericolo con una punizione di Princivalli.

Nella ripresa la musica non è cambiata, la Triestina ha provato ad attaccare con maggiore intensità, Maran ha mischiato le carte, inserendo Babù e Sedivec, ma l'area barese è stata ben presidiata da Masiello e Belmonte, con Desideri e Strambelli più attenti in copertura rispetto a Bonanni e Jadid. Nel finale proprio Desideri ha chiuso i conti con un pallonetto vincente, celebrato con una spettacolare capriola.

Poi c'è stata un'insolita festa sotto la curva barese, che ha intonato cori di apprezzamento per squadra e tecnico, a riprova di un ritrovato rapporto di fiducia con la piazza. A questo punto il Bari può guardare lontano, consapevole del fatto che il peggio è passato. La squadra appare determinata, motivata, in grado di proseguire il filotto di risultati utili consecutivi che l'ha proiettata in una zona nettamente più tranquilla della classifica del campionato cadetto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione