Cerca

Serie B

Bari, 4 gare per la pole nei playoff
Micai: vivo un sogno in biancorosso

L'esordio da sogno  del portiere Micai

BARI - «Mi sento di vivere un sogno. Mi ritrovo in una grande società e in una buona posizione di classifica con l’opportunità di centrare un obiettivo incredibile. Non perdo di vista la realtà. Non abbiamo fatto ancora nulla": così il portiere del Bari, Alessandro Micai, alla tredicesima presenza di fila, fotografa il suo momento in biancorosso. Partito come dodicesimo del titolare Enrico Guarna, ha sovvertito la gerarchia interna, diventando un punto di forza della squadra guidata da Andrea Camplone, grazie alla prontezza con cui ha sfruttato la chance in Avellino-Bari.

Sul pari interno con il Modena che ha frenato la corsa verso il terzo posto, Micai è realista: «Venivamo da gare dove avevamo speso tanto, soprattutto ad Ascoli, sia dal punto di vista fisico che mentale. Con gli emiliani - dice - siamo riusciti a raddrizzare la partita giocando fino all’ultimo minuto e mettendo da parte un punto importante. Siamo nel vivo di questa lotta per i playoff e non possiamo fare passi falsi».

Il portiere lombardo ha poi tifosi speciali in famiglia: «I più preoccupati per la mia salute - racconta - quando faccio uscite avventate o contrasti di gioco sono mia nonna e il mio fratellastro. Mia madre è più pacata e mi dice di continuare a stare con i piedi per terra, con il sorriso e sempre concentrato perchè solo dopo si tirano le somme. I consigli tecnici invece arrivano da mio padre che il portiere l’ha fatto: vorrebbe che tutte le partite finissero vinte e senza subire gol».

Infine uno sguardo al tour de force finale: «Ora in testa c'è solo il Perugia. Concentriamoci su questa partita. Tutti guardano allo scontro diretto con il Trapani ma quella sfida diventerà importante solo se riusciremo a disputare in modo ottimale le prime tre. Vanno fatti più punti possibili», conclude Micai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400