Cerca

La «vera» Ferrari rinasce in Malesia

Kimi Raikkonen ha vinto il Gp davanti alla Bmw di Robert Kubica e alla McLaren di Heikki Kovalainen. Quinto Lewis Hamilton. La Ferrari del brasiliano Felipe Massa a 26 giri dal termine è andata in testa coda finendo sulla ghiaia senza riuscire a ripartire • Il calendario delle gare
La «vera» Ferrari rinasce in Malesia
Ferrari vince in Malesia SEPANG (MALAYSIA) - La Ferrari di Kimi Raikkonen ha vinto il Gp della Malaysia davanti alla Bmw di Robert Kubica e alla McLaren di Heikki Kovalainen. Quinto Lewis Hamilton.
La Ferrari del brasiliano Felipe Massa a 26 giri dal termine è andata in testa coda finendo sulla ghiaia senza riuscire a ripartire.

Al quarto posto del Gp della Malaysia si è piazzata la Toyota del pilota italiano Jarno Trulli davanti alla Mclaren di Lewis Hamilton e alla Bmw di Nick Heidfeld. Settima la Red Bull di Mark Webber, mentre è giunto ottavo Fernando Alonso su Renault. L'altro italiano in gara Giancarlo Fisichella con la Force India ha ottenuto la 12/a posizione.

Raikkonen ha dominato la gara e ha tagliato il traguardo con quasi venti secondo di vantaggio su Kubica e 38 sul finlandese Heikki Kovalainen. Hamilton, che ha dovuto affrontare una gara difficile con vari errori di tattica e problemi ai pit-stop, mantiene comunque la leadership della classifica piloti con 14 punti, davanti al tedesco Nick Heidfeld (su Bmw) che oggi è arrivato sesto.
La vittoria di Raikkonen pareggia i conti con la beffa della settimana scorsa in Australia, quando entrambe le Ferrari non riuscirono a completare la gara.
Per Raikkonen si tratta della 16ma vittoria della carriera e la settimana la volante di una Ferrari. Un successo che lo porta ad appena tre punti in classifica da Hamilton.

Entusiasmo a metà, comunque, in casa Ferrari. Con la doppietta a portata di mano, ha lasciato un po' l'amaro in bocca il ritiro di Massa. Soprattutto allo stesso brasiliano.
«Qui era una gara in cui si poteva fare primo e secondo - ha ammesso Massa - e abbiamo visto che il nostro potenziale è molto forte. Ho preso un cordolo forte all'uscita della curva sei e, quando sono entrato nella curva sette, mi è partito il posteriore della macchina. Non si può dire nulla su cosa sia successo». Massa ha il rammarico per il pit stop e per l'inizio negativo del campionato. «Non è stato molto veloce - ha detto - ho perso un tempo importante. Il campionato non è iniziato nel modo che volevo ma io non devo dimostrare niente a nessuno e non abbasserò la testa».
Felice Kimi Raikkonen: il volto non cambia mai con la vittoria o con la sconfitta. «Siamo partiti bene e sono andato sempre meglio. Ora dobbiamo continuare su questa strada, il campionato è lungo».
Per Stefano Domenicali, responsabile gestione sportiva Ferrari, «dopo un risultato disastroso in Australia, era nostro dovere reagire come sappiamo fare». «Dobbiamo lavorare tranquilli e concentrati - ha aggiunto - perchè conosciamo il nostro potenziale. Sono contento per avere dimostrato la vera Ferrari come ci aveva chiesto l'avvocato Montezemolo».

Sull'altro fronte, in casa McLaren, Hamilton ammette che non è stata una giornata molto positiva. «La gara - spiega - non sarebbe stata comunque facile. Ero dietro a tanti piloti, con i pneumatici che si sono rovinati. Il campionato è ancora lungo e al momento sono ancora in testa». Felicissimo Jarno Trulli con la Toyota. «E' stata una gara meravigliosa - ha detto il pescarese - alla fine Hamilton ci ha provato in tutti i modi a prendermi il quarto posto, ma io lo volevo più di lui».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400