Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 06:04

Rugby - L'Italia salva l'onore

È finita 23-20 la sfida contro la Scozia valevole per la quinta ed ultima giornata del Sei Nazioni. Recupero nella ripresa per gli azzurri di Mallett, al riposo sotto per 10-17. Marcato eroe della giornata con un drop nel finale che evita l'onta del "cucchiaio di legno"
Rugby - L'Italia salva l'onore
ROMA - È finita 23-20 la sfida del Flaminio tra Italia e Scozia valevole per la quinta ed ultima giornata del Sei Nazioni 2008 di rugby. Per gli azzurri di Mallett, che erano andati al riposo sotto per 10-17, una meta per tempo, una tecnica alla mischia al 12' e una di Canale al 20' della ripresa. Marcato 'eroè della giornata con il drop a pochi secondi dall'80' che evita all'Italia l'onta del cucchiaio di legno

L'inizio del match è stato incoraggiante per i ragazzi di Nick Mallett. Dopo aver fallito un calcio all'8' con Marcato, gli azzurri hanno sbloccato la partita al 12'. L'arbitro Nigel Owens ha assegnato una meta tecnica per un fallo della difesa durante il tentativo di sfondamento della mischia azzurra: Marcato non fallisce la trasformazione ed è 7-0. L'Italia sembra controllare il match e tentare nuovi affondi ma col passare dei minuti gli scozzesi tornano a guadagnare terreno. E' il 20' quando Allister Hogg riesce a bucare la difesa azzurra e ad andare in meta, Chris Paterson non fallisce la trasformazione e la gara torna in parità. Al 26' la Scozia si porta in vantaggio 10-7 grazie al calcio piazzato trasformato da Dan Parks, ma dieci minuti dopo è Marcato a portare gli azzurri sul 10-10. In finale di tempo, però, gli ospiti trovano la seconda meta con una penetrazione centrale di Mike Blair. Patterson non fallisce la facile trasformazione e la prima frazione termina 17-10 per la Scozia.
Nella ripresa la gara stenta a prendere una direzione chiara e gli azzurri faticano a mettere in difficoltà gli scozzesi. Al 49' Marcato sbaglia per la seconda volta un piazzato, sebbene con la palla molto lontana dai pali. L'Italia centra la seconda meta al 60': stupendo intercetto di Sergio Parisse a metà campo, il capitano si invola verso la linea di meta e serve a Gonzalo Canale un pallone che il giocatore del Clermont non fatica a schiacciare a terra. Facile la trasformazione di Marcato e il punteggio è di nuovo in parità: 17-17. Gli azzurri tornano in vantaggio al 71' con il piazzato di Marcato, ma dopo appena due minuti è un calcio trasformato ancora da Paterson, assegnato per un fallo di Salvatore Perugini, a permettere alla formazione di Frank Hadden di portarsi sul 20 pari. Ma proprio all'ultimo minuto, con la mischia azzurra vicina alla linea di meta, Marcato segna il drop decisivo e il pubblico del Flaminio può finalmente festeggiare.
Le altre due partite che chiuderanno la manifestazione si giocano entrambe nel pomeriggio: alle 16 Inghilterra-Irlanda e alle 18 Galles-Francia. I diavoli rossi, che hanno già conquistato la Triple Crown battendo le altre tre formazioni del Regno Unito, sono alla ricerca del Grande Slam e conquisteranno il trofeo anche in caso di sconfitta con un margine inferiore a 38 punti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione