Cerca

Matarrese: «Giù le mani dallo sport»

Il presidente della Lega calcio: «Il Coni si riappropri della sua autonomia. Basta ingerenze, basta provocazioni, basta Ministero dello Sport che è stata un'ingerenza». Poi ha dato la colpa alla politica anche per l'inadeguatezza degli stadi italiani
Matarrese: «Giù le mani dallo sport»
SAN MARINO - «La politica abbandoni il prima possibile lo sport e il Coni si riappropri della sua autonomia. Basta ingerenze, basta provocazioni, basta Ministero dello Sport che è stata un'ingerenza». Lo ha chiesto Antonio Matarrese, presidente della Lega calcio, intervenuto a San Marino per la consegna dei 27 diplomi ai ragazzi del Master internazionale in strategia e pianificazioni delle organizzazioni e degli eventi sportivi, organizzato dalle Università di San Marino e di Bologna.
«L'Italia - ha aggiunto - ha già perso la possibilità di organizzare un Europeo, quello del 2012, per le problematiche sorte tra mondo del calcio e mondo della politica. Anche se il ministro Melandri non è del mio stesso partito, anzi io sono dalla parte opposta - ha poi precisato - devo dire che è l'unica che si è data da fare. Ma il Ministero dello Sport è stato un volere sfruttare il mondo sportivo. Io dico basta, perchè la politica non può e non deve controllare lo sport. Per questo c'è il Coni, che deve riappropriarsi della sua autorevolezza».
Matarrese ha dato la colpa alla politica anche per l'inadeguatezza degli stadi italiani. «Avete visto - ha detto - che strutture ci sono in giro per l'Europa? Noi, invece, abbiamo sempre le stesse da anni e sono inadeguate. Colpa anche in questo caso della politica che non ha avuto un programma di rilancio. Chiedo al prossimo Governo, che sia di destra o di sinistra, che pensi alle nostre strutture. È anche vero che molte società non conoscono la legge, non sanno che ci sono norme che potrebbero aiutarle in questo senso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400