Cerca

Calcio / Serie B - Diritti tv, accordo vicino

Positivo l'incontro tra i consiglieri della serie cadetta e i rappresentanti di SportItalia, che voleva trasmettere il posticipo. È stato chiesto all'emittente di inserire anche anticipo e qualche partita del sabato. Deciderà l'assemblea il 26
Calcio / Serie B - Diritti tv, accordo vicino
MILANO - Si avvicina il ritorno della serie B in televisione. È stato infatti «positivo», a detta dei partecipanti, l'incontro di oggi nella sede della Lega calcio tra i consiglieri della serie cadetta e i rappresentanti dell'emittente SportItalia, interessata all'acquisto dei diritti tv, ancora invenduti quando siamo alla sesta giornata di ritorno. E la prossima settimana potrebbe arrivare l'accordo.
Le proposte del responsabile per l'acquisizione dei diritti tv del canale tematico, Bruno Bogarelli, come si legge nel comunicato finale dei consiglieri di B, «sono state ritenute interessanti e meritevoli di attenzione e saranno sottoposte alla valutazione dell'assemblea di categoria il prossimo 26 febbraio».
«SportItalia - ha spiegato al termine il vicepresidente di Lega per la B Giorgio Lugaresi - voleva acquistare i diritti solo per il posticipo, mentre noi abbiamo chiesto di rimodulare la proposta inserendo anche l'anticipo e qualche partita del sabato».
La trattativa, che prosegue con la consulenza dell'advisor Infront, rappresentato oggi da Andrea Locatelli, ha subito questa accelerazione dopo la decisione del Pisa di vendere la scorsa partita casalinga e la prossima in pay per view al canale satellitare per adulti Conto Tv. Una situazione che - senza citarla esplicitamente - i consiglieri di serie B, nel loro comunicato, definiscono «una violazione degli accordi in essere in tema di vendita centralizzata dei diritti. La Lega calcio - prosegue la nota - ha ribadito l'assoluta necessità del rispetto delle delibere vigenti, onde evitare il verificarsi di qualsiasi situazione che possa nuocere e inficiare alle trattative in atto».
Le trattative erano partite e mai decollate prima dell'inizio del campionato, con i vari candidati, Rai, Sky e La7, che si sono prima o poi defilati. E ora, con il torneo arrivato ormai alla sesta giornata di ritorno, restano solo altre 16 partite più i play-off e, secondo il presidente della Triestina Stefano Fantinel, «solo un intervento di Berlusconi potrebbe risolvere questo stato di stallo. È un peccato che le squadre di 22 città siano ancora oscurate e poichè siamo in vista delle elezioni...».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400