Cerca

Calcio / Serie B - Il Lecce riprende la marcia

I salentini tornano a vincere dopo la sconfitta di Ascoli. Battuto l'Avellino (2-0) con gol di Corvia e Abbruscato. Il distacco dalla vetta (Bologna e Chievo) resta di quattro lunghezze
• Risultati • Classifica • Cannonieri • Prossimo turno: Lecce-Piacenza
Calcio / Serie B - Il Lecce riprende la marcia
Calcio - Lecce, allenatore PapadopuloLECCE-AVELLINO 2-0 (1-0)

Lecce (3-5-2): Benussi, Schiavi, Diamoutene, Esposito, Angelo, Munari, Budianskiy, Ardito (42' st Diarra), Ariatti, Abbruscato (41' st Konan), Corvia (33' st Vives). (Rosati, Polenghi, Cottafava, Giuliatto). All.: Papadopulo.
Avellino (3-4-1-2): Gragnanello, Maietta, Mengoni, Cherubin, Nardini, Di Cecco, Della Rocca, Tombesi (29' st Pellicori), Sestu (42' st Porcari), Salgano (26' st Paonessa), Cipriani. (Pantanelli, Corallo, Carbone, De Angelis). All.: Carboni.
Arbitro: Rocchi di Firenze.
Reti: nel pt 42' Corvia; nel st 40' Abbruscato.
Angoli: 6-1 per il Lecce.
Recupero 2' e 4'.
Ammoniti: Sestu per proteste, Cipriani e Paonessa per gioco falloso.
Spettatori: 5.000.

LECCE - Con un gol per tempo il Lecce ha piegato l'Avellino al termine di una gara senza storia, con la manovra peraltro disturbata da un forte vento. E' stato Andrea Corvia, 24 anni, prelevato dal Siena col mercato di gennaio, a sbloccare il risultato nel giorno del suo esordio con la maglia giallorossa dal primo minuto.
Lo ha fatto con freddezza a 3' dal riposo raccogliendo un tagliente cross da destra di Angelo su una palla che ha attraversato tutto lo specchio della porta scavalcando tre difensori irpini. Il raddoppio porta la firma di Abbruscato che ha fatto centro a 5' dal termine dopo avere sbagliato un paio di conclusioni.
Si può dire che il Lecce ha vinto con tranquillità, senza strafare contro un Avellino che in attacco non è mai esistito lasciando inoperoso il portiere leccese Benussi. Ha vissuto di rendita il Lecce, nel segno del minimo garantito, anche perché privo, oltre che del bomber Tiribocchi, del suo regista Zanchetta, sostituito comunque da un buon Budyanskiy.
La rete dell'attaccante romano Corvia ha dato il botto ad un primo tempo piuttosto fiacco col gioco condizionato dal fortissimo vento che prendeva d'infilata il terreno di gioco. Al 22' Gragnanello aveva recuperato sulla linea un pallone da cui era stato scavalcato su tocco di Abbruscato; al 30' un gran tiro di Munari era terminato fuori a fil di palo; ed al 32' Corvia aveva impegnato il portiere ospite.
L'Avellino si era visto in fase offensiva solo un paio di volte con Cipriani sul quale era tempestivamente uscito Benussi. Nella ripresa gli irpini hanno manovrato nella metà campo leccese ma non sono mai giunti in zona tiro; il Lecce ci ha provato con Corvia ed Abbruscato con tiri imprecisi sino al raddoppio.
Gara senza storia quindi tra un Lecce che non si è affannato più di tanto ed un Avellino senza mordente con una difesa confusionaria ed un attacco spuntato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400