Cerca

SporTube - Quando fair play fa rima con rugby

La palla è spigolosa e il confronto duro, ma una partita di rugby è un esempio di sportività. Nel calcio, invece, non sempre è così. Simpatica però l'immagine data da Antonio Cassano, ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa
SporTube - Quando fair play fa rima con rugby
Irlanda-ItaliaLa palla è spigolosa e il confronto duro, ma una partita di rugby è un esempio di sportività. Lo scontro fisico è predominante (tra mischie e placcaggi), ma la correttezza è un caposaldo. Nel calcio, invece, non sempre è così. La sfera rotola fluida, i rimbalzi sono regolari. Poi, però, c'è un giocatore che simula una caduta in area oppure un presidente che si scaglia contro gli arbitri o un allenatore di solito prudente (Mancini dell'Inter) che litiga con un giornalista (Franco Ordine) in diretta televisiva (clicca qui). Vederci un nesso può sembrare eccessivo, ma c'è un dato di fatto: il comportamento delle tifoserie delle due discipline è agli antipodi. Durante un torneo importante come il Sei Nazioni (www.rbs6nations.com/en/home.php) i sostenitori azzurri entrano e cantano tranquillamente l'inno di Mameli nello stadio di Dublino per Irlanda-Italia (clicca qui), così come i fan inglesi fanno altrettanto circondati da italiani al Flaminio di Roma per Italia-Inghilterra (clicca qui). Al contrario, in una gara di calcio di serie C (Taranto-Arezzo) «un migliaio di persone entra gratis dopo aver forzato una porta d'ingresso del settore gradinate e superato lo sbarramento di polizia e carabinieri» (coda all'ingresso: clicca qui).
Antonio CassanoPETER PAN - In confronto, le sregolatezze di Antonio Cassano sono bazzecole. Del calciatore barese abbiamo già parlato di recente. Tornarci è però d'obbligo perché i video della partecipazione alla trasmissione Che tempo che fa di Fabio Fazio sono stati tra i più cliccati su Youtube. Peter Pan («è il soprannome che mi piace») ha ricordato (clicca qui) di quanto la mamma patì per farlo venire al mondo («non si trovavano medici», condizionati dai festeggiamenti per la vittoria al Mondiale dell'Italia di Bearzot); ha rivelato a tutti (clicca qui) il sequestro dell'auto prima che prendesse la patente; ha ricordato Bari («è sempre nel mio cuore»: clicca qui) pur specificando di aver preso la decisione migliore quando scelse di andare via dalla Puglia; ha ammesso di aver fatto le ore piccole durante la permanenza a Madrid («ho trovato donne che mi trovavano bello») e promesso di voler provare a far vincere uno scudetto alla Sampdoria (clicca qui). Può riuscirci. Sempre che eviti di disperdere altre energie, monito da estendere a tutti giovani di talento. Alberto Paloschi, ad esempio, è un ragazzo del settore giovanile del Milan. Entrato in serie A contro il Siena per penuria di attaccanti, è stato capace di decidere la sfida dopo diciotto minuti dall'ingresso sul terreno di gioco (clicca qui). Se il buon giorno si vede dal mattino...

G. Flavio Campanella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400