Cerca

calcio

Avellino-Bari
un pari che lascia
l'amaro in bocca

Avellino-Bari e il rigore parato dai biancorossi

AVELLINO - BARI 1-1

AVELLINO (4-3-1-2): Frattali 6; Nica 6, Biraschi 6.5, Rea 6.5, Chiosa 6; Arini 5.5, Paghera 6 (10' st Insigne 7), Gavazzi 6.5; Bastien 6 (39' st Sbaffo sv); Castaldo 5.5, Tavano 5.5 (15' st Mokulu 5.5). In panchina: Offredi, D’Angelo, Visconti, Joao Silva, D’Attilio, Migliorini. Allenatore: Tesser 6.5.

BARI (4-3-3): Micai 7.5; Cissokho 4.5, Tonucci 5.5, Di Cesare 6, Di Noia 5.5 (10' st Jakimovski 6); Defendi 6, Valiani 7, Dezi 6; Rosina 7, Maniero 7 (30' st Donkor sv), De Luca 5 (25' st Boateng 6). In panchina: Gori, Puscas, Sansone, Gentsoglou, Rada, Lazzari. Allenatore: Camplone 6. ARBITRO: Manganiello di Pinerolo 7. RETI: 19' pt Maniero, 23' st Insigne.

NOTE: Spettatori 5000 circa (incasso non comunicato). Espulso al 36' pt Cissokho per fallo su chiara occasione da gol. Ammoniti: Nica, Di Cesare, Dezi, Valiani, Di Noia, Chiosa, Gavazzi, Micai. Al 37' pt Micai para un rigore a Castaldo. Angoli: 8-6 per l'Avellino. Recupero: 3', 3'.

LA PARTITA - Finisce in parità il match tra Avellino e Bari, illuminato dalle prodezze di Maniero (20' pt) per i pugliesi e di Insigne (23' st) per i padroni di casa. Gara delicata per entrambe le squadre, reduci da due sconfitte consecutive, che hanno rallentato la loro marcia di avvicinamento e assestamento nella zona play off, giocata però a viso aperto per lunghi tratti. Passa il Bari che con Maniero su cross di Rosina batte Frattali con una acrobatica rovesciata. L'Avellino superato il momento di sbandamento, si rende pericoloso e potrebbe pervenire al pareggio al 36' quando usufruisce di un calcio di rigore per atterramento in area da parte di Cissokho, che verrà espulso. Ma dal dischetto, Castaldo viene ipnotizzato dall’esordiente Micai che para.

Anche grazie alla superiorità numerica, gli irpini intensificano la manovra, riportando in equilibrio il risultato con Insigne che raccoglie l’assist di Castaldo e realizza con una mezza girata al volo. Con il trascorrere dei minuti, l'atteggiamento delle contendenti si fa più guardingo anche se vanno segnalate le conclusioni pericolose di Gavazzi per i biancoverdi, e, sull'altro fronte, di Rosina.

Resta l'amaro in bocca per i biancorossi, passati in vantaggio e con un rigore parato, e che forse meritavano di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400