Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:36

SporTube - Emozioni & brividi dallo sci al trotto

Dalla Rete le immagini più spettacolari di due sport già di per sè scenografici. «Giorni di incredibile energia (che solo la natura con la sua forza infinita può regalare»
SporTube - Emozioni & brividi dallo sci al trotto
Scott MccartneyScendere con gli sci può regalare emozioni indescrivibili, ma anche causare cadute rovinose. Lukino, il Giano e Rohl si godono e poi descrivono «lo spettacolo bianco» (a quota 2236 metri) del passo Giau (valico alpino situato nelle Dolomiti, in provincia di Belluno) e «i giorni di incredibile energia (con vento a 180 chilometri orari) che solo la natura con la sua forza infinita può regalare» (clicca qui). Senz'altro da dimenticare è invece l'incidente capitato a un professionista degli sport invernali, lo statunitense Scott Mccartney, schiantatosi sulla neve ghiacciata a oltre 140 chilometri all'ora durante la discesa libera di Kitzbuhel, in Austria. La Streif, in effetti, è la pista più impegnativa e pericolosa del Circo bianco. Fortunatamente l'atleta ha subito un trauma cranico senza gravi conseguenze, ma le drammatiche immagini hanno fatto pensare al peggio (clicca qui).

CONTROLLO PERFETTO - Coordinazione perfetta, invece, per due azzurre altoatesine: Denise Karbon e Carolina Kostner. La prima è stata capace, con il pollice sinistro fratturato, di vincere (grazie a una strepitosa seconda manche) il quinto slalom gigante della stagione di Coppa del Mondo di sci alpino, disputato in Germania a Ofterschwang (clicca qui). La seconda è riuscita a conquistare a Zagabria (in Croazia) la medaglia d'oro al campionato europeo di pattinaggio su ghiaccio, titolo che già deteneva. La bella italiana ha ipotecato il gradino più alto del podio nell'eccellente programma corto (clicca qui). Ha quindi completato l'opera nel programma libero (clicca qui). Ora è attesa in Svezia (dal 17 al 23 marzo) al Mondiale di Goteborg (clicca qui).

FRANCIA DOUBLE FACE - Anche i francesi hanno di che essere orgogliosi, si parli di tennis oppure di ippica. Jo-Wilfried Tsonga, di padre congolese, non è riuscito a completare l'opera agli Australian Open di tennis perché battuto in finale (per l'ultimo punto clicca qui) dal serbo Novak Djokovic (clicca qui), ma ha scatenato il tifo dei transalpini (e la parodia di qualche italiano buontempone: clicca qui), già pronti a osannare un talento che si appresta ad entrare tra i primi dieci giocatori della classifica mondiale. Se prossimamente arriverà a conquistare un torneo del Grande Slam potrà ricevere gli onori toccati a Offshore Dream, il cavallo vincitore nell'ippodromo di Parigi dell'87ª edizione del Prix d'Amerique (clicca qui). La gara, considerata come il campionato del mondo di trotto, è stata in passato dominata due volte (nel 2001: clicca qui; e nel 2002: clicca qui) da Varenne, il più grande trottatore italiano. Noblesse oblige.

G. Flavio Campanella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione