Cerca

Nicola: con il Brescia il cuore oltre l'ostacolo ma perde in casa 

Nicola: con il Brescia il cuore oltre l'ostacolo ma perde in casa 
BARI - «Vogliamo lanciare il cuore oltre l'ostacolo»: alla vigilia della gara interna con il Brescia, il tecnico del Bari, Davide Nicola, era ricorso ad un motto della cavalleria per spiegare le forti motivazioni della squadra, determinata a non perdere il contatto con le prime due posizioni della classifica dopo la sconfitta amara di Cagliari. «Qualsiasi energia nervosa rimasta nascosta deve essere messa in campo. Abbiamo 35 punti sul campo - ha aggiunto -. Penso solo al Brescia, il Trapani verrà dopo. Vogliamo fare la nostra partita. Abbiamo l’opportunità di dare un certo valore al campionato che abbiamo fatto finora». 

Ma questo non è bastato. Il Bari ha perso in casa per la prima volta 2 a 1. Peccato perchè la squadra di casa era andata in vantaggio nei primi minuti del primo tempo, per poi farsi raggiungere solo nel secondo tempo.

TABELLINO

BARI (4-2-3-1): Guarna 5; Donkor 5.5, Di Cesare 5, Rada 6, Sabelli 5.5; Romizi 5 (36'st Donati sv), Valiani 5.5; Boateng 5 (25'st Rosina 5.5), Sansone 5.5 (33'st Puscas sv), De Luca 5.5; Maniero 5. In panchina: Micai, Di Noia, Contini, Tonucci, Gemiti, Porcari. Allenatore: Nicola 5.

BRESCIA (4-2-3-1): Minelli 6.5; Camilleri 5.5, Lancini 5.5, Ant. Caracciolo 6, Coly 6.5; Dall’Oglio 6, Martinelli 5 (1'st H'Maidat 6.5); Marsura 6 (28'st Castellini 6), Morosini 5.5 (25'st Geijo 6.5), Embalo 6; And. Caracciolo 6.5. In panchina: Arcari, Venuti, Abate, Bertoli, Camilli, Mangraviti. Allenatore: Boscaglia 6.5. ARBITRO: Manganiello di Pinerolo 6.5.

RETI: 11'pt Rada, 23'st And. Caracciolo (rig.), 34'st Geijo. NOTE: spettatori 21.878 (paganti 10.465, abbonati 11.026, mini abbonamenti 387) per un incasso di Euro 136.347,09. Ammoniti: Martinelli, Morosini, Boateng, Di Cesare, Donkor. Angoli: 9-2 per il Bari. Recupero: 1', 4'.

COMMENTO
Il Brescia ha sbancato il San Nicola conquistando tre punti pesanti contro il Bari, diretta concorrente nella corsa ai play-off. La gara, giocata davanti a ventiduemila spettatori, ha avuto due volti: nel primo tempo i pugliesi, con ben cinque innesti nell’undici titolare e un modulo molto offensivo, hanno esercitato una netta supremazia territoriale, agevolati anche dal vantaggio in avvio (11') firmato da Rada di testa; nella ripresa il Brescia, grazie a cambi indovinati di Boscaglia, ha alzato ritmo e baricentro, pareggiando su rigore di Caracciolo al 23' (fallo di Sablli su Marsura) e conquistando il sorprendente vantaggio con una botta sotto la traversa di Geijo (33'). Nel finale le rondinelle avrebbero potuto anche triplicare il bottino, ma l’azione Caracciolo-Geijo è finita con una deviazione di poco a lato dell’attaccante spagnolo. Il pubblico di casa ha salutato la prima sconfitta interna con salve di fischi all’indirizzo dell’undici di Nicola. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400