Cerca

Defendi: al Bari servono prima i punti del bel gioco

Defendi: al Bari servono prima i punti del bel gioco
BARI, 3 NOV – "Contano prima di tutto i punti che ti fanno arrivare fino in fondo. Sul gioco brillantissimo ci si può sempre lavorare. L’importante è rimanere con i piedi per terra ed avere la giusta mentalità sapendo che, in B, le insidie ci sono se affronti la prima come contro l’'ultima": così Marino Defendi, mezzala del Bari, ha commentato il momento dei pugliesi, con la gara di venerdì contro la Salernitana sullo sfondo ("dobbiamo vincere per capitalizzare il pari con il Novara").

L'incontro con i campani vedrà il confronto-amarcord con gli ex Vincenzo Torrente (in panchina) e Daniele Sciaudone (in campo): "Saremo amici prima e dopo la partita ma durante per me - dice – esiste solo il Bari. Potremmo essere noi a inguaiare Torrente ma questo è il calcio, giochiamo per i tre punti. Al tecnico sono grato perchè mi ha "riscoperto" mezzala, dopo avermi provato in tanti ruoli. Daniele? Un uomo-spogliatoio".
Poi ha raccontato della trattativa con i campani estate: "C'è stato un contatto. Torrente mi voleva, ma con la società non c'erano i presupposti e ho preferito rimanere a Bari". Infine un elogio del turn over a centrocampo: "Considerata la rosa ricca che abbiamo è inevitabile una rotazione di giocatori. Nonostante questi cambiamenti i punti arrivano, a testimonianza dell’impegno che ognuno di noi sta mettendo", ha concluso Defendi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400