Cerca

Venus ferma Roberta (e vendica Serena)

Venus ferma Roberta (e vendica Serena)
ROMA – Si ferma l’avventura di Roberta Vinci a Wuhan. Tre settimane esatte dopo aver sconfitto Serena Williams nella storica semifinale degli Us Open, la 32enne tarantina non si è ripetuta contro la sorella maggiore Venus; che, vincendo il match numero 703 in carriera, le ha precluso la finale del torneo cinese.
Dopo aver infranto il tabù-Serena, battuta l’11 settembre per la prima volta dopo quattro sfide in cui non le aveva concesso neanche un set, Roberta ha perso il quarto match su quattro contro Venus, sia pure strappandole per la prima volta un set, battendosi strenuamente e facendosi annullare un match point.

L'impresa compiuta contro la numero 1 del mondo – che sembra non essersi ancora ripresa dallo shock, tanto da annunciare ieri la fine anticipata della sua stagione – è stata quindi solo sfiorata con la 35enne Venus, numero 24. Che – memore di essere stata a lungo la numero 1 e dei 46 titoli conquistati, di cui sette Slam – ha tirato fuori la grinta dei tempi migliori, superando nella frazione decisiva anche un problema alla coscia sinistra che la menomava visibilmente. Due ore e 43' le sono occorsi per domare, con il punteggio di 5-7 6-2 7-6 (4), la coriacea Vinci, che ha lottato su ogni palla sino alla fine. Molto combattuto il primo set: da 3-0 per Venus a 3-3, da 5-3 per Roberta a 5-5, con l’azzurra che poi strappa il servizio e chiude la frazione. Nel secondo set, però, oppone minore resistenza.

"Continua a fare il tuo gioco, lei è più vecchia di te", la incoraggia il coach Francesco Cinà. "Sì, ma è alta sette metri e mezzo...", risponde scherzosamente Roberta. Che, sotto 5-2 nella terza frazione, rimonta fino a 5-5, strappa ancora la battuta a Venus e, nel 12/o game, spreca un match point. Un guizzo dell’americana porta al tie-break: Venus se lo aggiudica 7-4, al termine di una bellissima serie di scambi.

"Lei ha avuto un match point ed ha giocato davvero benissimo. Sono stata molto fortunata a riuscire a vincere", ha ammesso Venus, aggiungendo: "Se avessi potuto avrei scambiato questa vittoria con Serena". Che, in un certo senso, ha vendicato.
Domani, la Williams 'maggiore' se la vedrà con la vincente tra la spagnola Garbine Muguruza e la tedesca Angelique Kerber. Alla pugliese resta la soddisfazione di un torneo giocato alla grande. Sul cemento di Wuhan è arrivata in semifinale, la sua prima in un torneo Wta Premier 5, superando la montenegrina Danka Kovinic, la romena Irina-Camelia Begu, le ceche Petra Kvitova – numero 4 del mondo e campionessa uscente – e Karolina Pliskova. E lunedì, da numero 18 del ranking, salirà ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400