Cerca

Calcio/C1 - Taranto, stadio riaperto. Anzi no

Taranto-Ancona di domenica 9 si giocherà senza spettatori. Lo ha deciso l'Osservatorio sulle manifestazioni sportive. La Lega in precedenza aveva dato l'ok per la riapertura dopo il ricorso (accolto) della società contro le decisioni del giudice circa i fatti di taranto-Massese, ma lo stadio è inagibile
Stadio IacovoneROMA - La partita di serie C, Taranto-Ancona si giocherà in assenza di spettatori. Lo ha deciso l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive del Viminale. Il campo del Taranto, infatti, è stato giudicato dall'Osservatorio ancora inagibile dopo i danneggiamenti causati dagli ultras durante la gara Taranto-Matarrese dell'11 novembre.

Inutile il sì della Lega - Precedentamente sembrava fosse possibile assistere alla partita. Alla luce della decisione della Corte di giustizia federale, la Lega Calcio di serie C aveva infatti disposto che si giocasse a porte aperte. Ieri infatti la Cgf ha accolto il ricorso del Taranto contro la decisione del giudice sportivo che, in riferimento a quanto accaduto l'11 novembre scorso in occasione della partita con la Massese, sospesa per le intemperanze della curva rossoblu, aveva decretato lo 0-3 a tavolino e condannato il club pugliese a giocare quattro partite casalinghe a porte chiuse, coppa Italia compresa. La Corte ha anche rimesso «gli atti al Giudice Sportivo per un nuovo esame del merito».

Lo stadio è ancora inagibile - Ma effettivamente lo stadio Iacovone è ancora inagibile e difficilmente gli interventi di ripristino dei settori danneggiati dagli ultras durante la gara Taranto-Massese (C1, girone B) dell'11 novembre scorso saranno portati a termine entro domenica.
Bisognerà innanzitutto sostituire la vetrata di protezione che separa la curva nord dal rettangolo di gioco e riparare alcune ringhiere che dividono i settori dello stadio. Il presidente della Taranto Sport Luigi Blasi invierà una lettera all'amministrazione comunale per sollecitare gli interventi di ristrutturazione il cui importo si aggira sui 40.000 euro, ma il parere sull'agibilità spetta alla commissione di vigilanza sui pubblici spettacoli e le manifestazioni sportive. Domani è previsto un vertice in Prefettura per fare il punto della situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400