Cerca

Gli atleti non potranno scommettere su gare dello sport praticato

Il presidente del Coni Gianni Petrucci: «Nei principi informatori degli statuti di tutte le federazioni deve esserci una norma che lo vieti esplicitamente. In alcuni sport come il calcio ci sono già. Da capire bene cosa si può fare nel caso di sport individuali dove il controllo è minore»
ROMA - «Abbiamo deciso di deliberare che nei principi informatori degli statuti di tutte le federazioni ci debba essere una norma che vieti esplicitamente agli atleti di scommettere all'interno del proprio sport». È stato il tema delle scommesse nel tennis a farla da padrone nella Giunta Coni svoltasi questa mattina al Foro Italico e lo stesso presidente Gianni Petrucci ha voluto spiegare al termine le decisioni prese.
«Scriveremo una lettera a Rogge (presidente del Cio) - ha aggiunto Petrucci - per capire bene cosa si può fare in questo senso, soprattutto per quelle federazioni di sport individuali dove il controllo sugli atleti è minore rispetto a quelli di squadra. In alcuni sport come il calcio ci sono già norme che vietano le scommesse, adesso bisogna estenderle alle singole federazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400