Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 19:10

Calcio /Under 21 - Pozzi-gol: Europei 2009 molto vicini

Grazie allo 0-1 in casa delle Far Oer, l'Italia conclude l'anno al comando del girone. Gli avversari si sono resi ostici, come dimostra anche il 2-1 dell'andata. Vittoria anche questa volta sofferta perché maturata dopo più di un tempo in inferiorità numerica per l'espulsione di Santacroce
FAR OER-ITALIA 1-0 (0-0 nel primo tempo) nella quart'ultima partita del girone 1 delle qualificazioni all'Europeo under 21 di calcio

Faroer (4-1-4-1): Gun. Nielsen, Jorgensen, S.Jacobsen, Tor Nas, J.V.Gunnarson, K.Jacobsen, M.Olsen (43' st Poulsen), Lokin, Olafstovu, Leivson (42' st A.V.Gunnarson), Gud. Nielsen (21' st L.Olsen). (16 R.Hansen, 17 Fard, 18 Holm, 5 Dam). All. Jacobsen.
Italia (4-3-3): Consigli, Motta, Santacroce, Criscito, De Ceglie, Morosini, Cigarini, Paonessa (1' st Bolzoni), Cerci (12' st Marzoratti), Osvaldo (23' st Pozzi), Giovinco. (12 Sirigu, 14 De Silvestri, 16 Russotto, 17 Di Gennaro). All. Casiraghi.
Arbitro: Vik (Slovacchia).
Rete: al 35' st Pozzi.
Angoli: 12-1 per l'Italia.
Recupero: 2' e 3'.
Espulso: al 41' pt Santacroce per comportamento non regolamentare.
Spettatori: 2.000.

** IL GOL **

35' st: cross millimetrico di De Ceglie, sullo spiovente Pozzi lasciato colpevolmente solo salta e di testa mette alle spalle del portiere Nielsen.

TORSHAVN (FAROER) - Gli azzurri di Donadoni hanno già staccato il biglietto per Euro 2008, gli azzurrini dell'Under 21 di Casiraghi sono quasi a Euro 2009. Giovinco e compagni mettono a segno un'altra vittoria (e sono sei in sette gare). Dopo la goleada con l'Azerbaigian a Fermo, l'Under 21 conclude il 2007 con un altro successo. Tre punti che valgono doppio perchè conquistati fuori casa e sul campo di una squadra, le isole Faroer, sempre ostica, come dimostra anche il 2-1 dell'andata. Vittoria anche questa volta sofferta, anche più della prima, perchè maturata dopo più di un tempo in inferiorità numerica per l'espulsione di Santacroce. Grazie allo 0-1 di Torshavn l'Italia conclude l'anno al comando del girone e avvicina sempre di più al suo traguardo.
Per ottantadue minuti l'Italia ha cozzato, per imprecisione e bravura degli avversari, contro la difesa delle Faroer. Il portiere Nielsen si è superato salvando più volte la propria porta. Occasioni a grappolo fin dal primo tempo, in cui l'Italia ha fallito le occasioni più clamorose con Osvaldo, Cerci e Criscito. Per l'italoargentino le palle-gol sono state addirittura due: una al 21' di piede, l'altra al 30' di testa. Mentre Cerci si è mangiato un gol già fatto al 12' a due passi dal portiere mettendo fuori, un minuto dopo Criscito ha calciato incredibilmente alto un pallone non trattenuto da Nielsen su tiro dello stesso Cerci. Gli azzurri avrebbero strameritato il vantaggio nei primi 45 minuti: occasione a parte (palle-gol anche per Cigarini e Giovinco, cui si è aggiunta una traversa di Cerci) il pallino del gioco ce l'ha avuto sempre l'Italia.
La porta delle Faroer sembrava stregata, e lo è diventata ancora di più quando al 41' uno scellerato fallo a gioco fermo ha indotto l'arbitro Vik (su segnalazione di un assistente) a espellere Santacroce. Con gli azzurri in dieci, Casiraghi è stato costretto nella ripresa a qualche correttivo togliendo Cerci e inserendo Marzoratti. Ridotti in dieci gli azzurrini hanno anche rischiato qualcosa: in contropiede le Faroer si sono fatte pericolose un paio di volte, in particolare al 9' con Lokin ma sul suo destro Consigli è stato pronto.
Dopo aver sprecato tanto il gol è arrivato grazie all' entrante Pozzi. Dopo aver rilevato Osvaldo al 35' l'attaccante ha approfittato di una difesa distratta e tutto solo di testa ha trafitto l'incolpevole Nielsen, che un minuto prima aveva compiuto un altro miracolo sempre su Pozzi. A tempo scaduto il portiere si è superato di nuovo negando il 2-0 a Giovinco. «Abbiamo faticato ancora una volta - ha ammesso Casiraghi - Abbiamo giocato una buona mezz'ora fino all'espulsione fallendo tante occasioni. Dopo l'espulsione la reazione della squadra è stato un buon segnale. Pozzi? Ero indeciso se farlo entrare subito, sono contento abbia fatto gol. Ora ci restano da giocare tre partite, anche queste decisive. È ancora presto per pensare alla qualificazione».
Gli azzurrini dopo la lunga pausa torneranno a giocare a marzo a Baku con l'Azerbaigian.

Classifica del gruppo 1 dopo gli incontri giocati oggi: Azerbaigian-Croazia 0-1, Faroer-Italia 0-1, Grecia-Albania 2-1

Legenda: squadra, punti, partite giocate, vinte, perse, gol fatti, gol subiti

1) Italia 19 7 6 1 0 17 3
2) Croazia 18 8 6 0 2 15 11
3) Grecia 13 7 4 1 2 17 11
4) Albania 10 7 3 1 3 9 8
5) Faroer 3 8 1 0 7 3 15
6) Azerbaigian 1 7 0 1 6 4 17

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione