Cerca

Il Bari e Galano ai titoli di coda

Il Bari e Galano ai titoli di coda
DAVIDE LATTANZI
BARI -Cristian Galano ed il Bari ai titoli di coda. Salvo colpi di scena, oggi si concluderà la lunga storia del mancino dauno in maglia biancorossa. Una milizia che il 24enne foggiano ha cominciato con l’intera trafila nel settore giovanile, fino all’esordio in prima squadra avvenuto (sotto la guida di Antonio Conte) nel maggio 2009, contro la Salernitana. Dopo la parentesi di Gubbio, il “Robben di Puglia” ha disputato altre quattro stagioni con i galletti, per un totale di 129 presenze e 23 reti. Ieri Galano si è regolarmente allenato con i compagni a Noicattaro, ma sembra che già in serata abbia lasciato la città. Stamattina, dovrebbe essere in programma un summit con il procuratore Mario Giuffredi per scegliere la prossima destinazione. Le offerte di Pescara e Vicenza sono già note sia al ragazzo, sia alla società di Strada Torrebella. Accordarsi con uno dei due club sarebbe quasi una formalità: sul fronte veneto pesa la stima nei confronti dell’esterno da parte del tecnico Pasquale Marino, ma il presidente abruzzese Daniele Sebastiani martedì scorso ha dialogato a lungo con Gianluca Paparesta, in occasione del sorteggio dei calendari. Nella volata a due, potrebbe, però, inserirsi il Cesena. Galano, il cui vincolo con il Bari scadrà nel giugno 2016, sarà ceduto a titolo definitivo: il club pugliese dovrebbe incassare una somma inferiore ai 400mila euro. Sul mercato in uscita, è ormai prossima pure la partenza di Francesco Caputo, sempre ad un passo dall’Entella. Nelle ultime ore, inoltre, si sarebbero risvegliati interessi su Stefano Sabelli: l’Atalanta avrebbe rafforzato la sua offensiva sul terzino romano, sul quale sarebbero vigili pure la Sampdoria e persino l’Inter. L’auspicio, tuttavia, è che si sblocchino le operazioni in entrata.

Per l’arrivo di Riccardo Maniero, il Bari attende l’orientamento del Catania che, in un primo momento, pareva disposto ad accordare la rescissione del contratto al centravanti, salvo poi temporeggiare in attesa di altre offerte. Permane la certezza dell’accordo del 27enne napoletano con il club biancorosso che gli offre due anni di vincolo, con opzione per la terza stagione, a circa 250mila euro di ingaggio. Ma se la situazione non si evolverà in positivo a breve, l’attesa barese non durerà ancora a lungo: tra le alternative studiate per coprire il ruolo di punta centrale, ci sarebbero Daniele Cacia (Bologna) e Massimo Coda (svincolato dal Parma). Cauto ottimismo regna su Alessandro Rosina che sta valutando la proposta di Paparesta: anche il 31enne fantasista è del Catania, ma, nel suo caso, dovrebbe essere più semplice liberarsi dal rapporto con gli etnei.

Non si registrano sviluppi, invece, per l’affare legato a Francesco Valiani, il cui trasferimento alla corte di Nicola è bloccato da alcune pendenze tra il 35enne centrocampista ed il Latina. Possibile che la trattativa sia destinata ad arenarsi. Tra gli obiettivi dei galletti, c’è anche un terzino sinistro. Piaceva l’idea Djamel Mesbah, 31enne in forza alla Sampdoria, ma il laterale algerino non è sembra entusiasta dalla prospettiva di scendere di categoria. Ogni strategia, dunque, appare in piena evoluzione. Ma, ad ogni modo, tra oggi e domani Paparesta e Zamfir proveranno a chiudere almeno un paio di colpi: allo striscione d’arrivo del mercato mancano ormai solo cinque giorni. E, con un avvio di torneo così impegnativo, occorrono innesti di peso per farsi trovare pronti all’impatto. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400