Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 02:36

Calcio - Italia, sfida decisiva in Scozia

A Glasgow (ore 18, diretta su Rai1) basta un pari per essere pressoché certi (resta soltanto la partita contro Far Oer) della qualificazione agli Europei del 2008 in Austria e Svizzera. Donadoni, che rischia il posto: «Non penso al dopo». Gli azzurri in campo col tridente Camoranesi-Toni-Di Natale
Scozia - ItaliaGLASGOW - «In questo momento, a quel che sarà il mio futuro dopo Scozia-Italia non penso: sono concentrato sulla partita, il resto non mi interessa». Così Roberto Donadoni, a poche ore da Scozia-Italia, si prepara alla sfida decisiva per la Nazionale italiana ma anche per il suo futuro. «Nella vita si impara ogni giorno - ha aggiunto il ct azzurro, nell'intervista alla Rai, nell'ambito dell'accordo di esclusiva tra Federcalcio e tv pubblica - probabilmente da quando sono ct ho commesso degli errori, ma passo dopo passo sono migliorato. Spero di poter continuare a farlo, se la filosofia è questa io non mi pongo limiti».
Donadoni ha anche parlato del valore della partita dell' Italia, nei giorni in cui la nuova ondata di violenza si è abbattuta sul calcio italiano. «Il compito di questa Nazionale è sempre stato quello di tenere alto l'onore del calcio italiano. Ma non si può chiederle di salvare nessuno, perchè purtroppo la vita di un ragazzo non la recupera nessuno. Si può salvare solo se tutti si assumono responsabilità». Infine, l'atmosfera che attende gli azzurri questa sera all'Hampden Park. «Loro hanno una nazione alle spalle, ma anche noi la nostra, e non siamo da meno. Credo che la squadra saprà tirare ancora una volta fuori il carattere, anche se qualificarci all'Europeo non sarebbe un'impresa, ma il coronamento del cammino di una squadra che dà sempre il massimo».
In mattinata, gli azzurri sono rimasti nell'albergo nel centro di Glasgow. L'orario della partita, le 17 locali, ha sconsigliato il tradizionale allenamento del mattino. Per i giocatori solo un pò di stretching e riscaldamento nella palestra dell'hotel. Prima della partita per lo stadio, riunione tecnica nella quale Donadoni ufficializzerà ai giocatori la formazione, che dovrebbe vedere in campo un tridente con Camoranesi, Toni e Di Natale.
Le strade del centro di Glasgow sono intanto invase da piccoli gruppi di tifosi scozzesi in kilt, cappelli scozzesi, maglie della Nazionale, bandiere e anche cornamuse. I supporter locali si incrociano con gruppi ancor più piccoli di tifosi venuti dall'Italia. La situazione della sicurezza rimane sotto controllo, stamattina nuovo incontro della polizia locale con i responsabili del Viminale al seguito della Nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione