Cerca

Pallavolo / A1 maschile - Taranto si regala Lattari

Il presidente Bongiovanni ha ingaggiato il tecnico brasiliano, 50 anni, di Rio de Janeiro, liberatosi dal club Florianopolis, ex selezionatore della nazionale brasiliana ed ex coach di Trento nelle ultime due stagioni. Arriverà in Italia lunedì sera. Totire resterà come collaboratore del nuovo allenatore
TARANTO - Grande colpo della Prisma Taranto Volley che nel giorno del compleanno del suo presidente Antonio Bongiovanni, ha ingaggiato un nuovo primo allenatore. Si tratta di Radamès Lattari, 50 anni,  brasiliano di Rio de Janeiro, ex selezionatore della nazionale brasiliana ed ex coach di Trento nelle ultime due stagioni sportive.  La trattativa, condotta in gran segreto, è stata definita  questa notte (in Brasile era giorno). La società questa mattina ha tenuto una conferenza stampa improvvisa alla quale era presente anche coach Michele Totire, al quale sono state ribadite affetto e stima ed il quale collaborerà a stretto contatto con il nuovo coach.
Lattari arriverà in Italia lunedì sera e mercoledì mattina verrà presentato alla stampa. «C'era stato un primo approccio con Lattari circa due mesi fa ma lui era legato al club brasiliano del Florianopolis. Poi ieri mattina ci è giunta una telefonata del coach che ci ha comunicato che era libero ed abbiamo intavolato subito una trattativa conclusa nella tarda serata. Abbiamo avvisato subito Michele Totire, che resta nostro uomo società e persona di fiducia il quale collaborerà in prima persona con il tecnico brasiliano- ha dichiarato il presidente Bongiovanni che ha più volte sottolineato la bravura di Totire -. Ha ereditato una situazione di difficoltà creata da chi ci ha lasciato dieci giorni prima del campionato e si è saputo ben comportare. E' giovane, lo considero un talento della pallavolo italiana ma ci occorreva una guida esperta».
Totire dal canto suo ha detto poche ma efficaci parole: «L'arrivo di Radamès è importante perché smentisce le voci maligne che dicevano che a Taranto non sarebbe mai arrivato un allenatore di grido. Io dal canto mio sono felice di collaborare con un personaggio di tale spessore e potrò sicuramente accrescere le mie qualità professionali per poter nel giro di qualche anno guidare da solo una squadra di serie A1. Lattari al telefono mi ha detto che la squadra avrà un valore aggiunto con due head coach come noi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400