Cerca

Calcio - Il ministro Melandri disponibile nei confronti della B

C'è la volontà di un incontro con i rappresentanti della serie cadetta, che aiuti tutto il mondo del calcio «a trovare una soluzione positiva alle problematiche», che riguardano i diritti televisivi e, più in generale, la questione relativa alla mutualità
ROMA - Il Ministero per le Politiche giovanili e le Attività sportive, in merito alla lettera aperta inviata da Giorgio Lugaresi, vicepresidente Lega Nazionale Professionisti, Presidente per la serie B, comunica che il Ministro Melandri è «ovviamente disponibile» ad un incontro con i rappresentanti della serie cadetta, che aiuti tutto il mondo del calcio «a trovare una soluzione positiva alle problematiche che sono state rappresentate dallo stesso Giorgio Lugaresi». «Anche perchè - spiega il sottosegretario Giovanni Lolli - la legge delega sui diritti audiovisivi sportivi va letta nella sua interezza. I meccanismi di mutualità previsti nel dispositivo, da poco approvato in consiglio dei ministri, non si esauriscono esclusivamente nel 6% citato da Lugaresi, ma va ricordato che una quota di mutualità generale (vivai e squadre giovanili) andrà a beneficiare la serie B, così come previsto dall'articolo 22». I problemi delle serie B, precisa però Lolli, «non sorgono con questa legge che al contrario ha come obiettivo quello di stabilire con chiarezza le modalità di afflusso alle serie inferiori delle risorse provenienti dalla vendita dei diritti tv. Ma sono la conseguenza di accordi maturati negli anni scorsi all'interno del mondo del calcio, relativi anche alla re-distribuzione interna di proventi derivanti da fonti diverse dai diritti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400