Cerca

Bari, arriva il greco Petropoulos E c'è l'assalto finale a Bianchi E nasce la nuova società Fc Bari 1908 «rosa»

Bari, arriva il greco Petropoulos E c'è l'assalto finale a Bianchi E nasce la nuova società Fc Bari 1908 «rosa»
di Davide Lattanzi

BARI - Il Bari e Rolando Bianchi all’appuntamento decisivo. Ma dalla Grecia in arrivo c’è anche un’altra prima punta, Antonis Petropoulos (foto). Potrebbe essere oggi il giorno per decretare il trasferimento del 32enne centravanti alla corte di Davide Nicola che ne ha espressamente chiesto l’arrivo. La trattativa è in fase molto avanzata, ma mancano alcuni dettagli determinanti. In particolare, la società di Gianluca Paparesta ha raggiunto l’accordo sia con il bomber bergamasco (che ormai è convinto al trasferimento in Puglia), sia con il Bologna che ne detiene il cartellino. L’intesa totale, tuttavia, riguarda solo la formula dell’affare e la parte fissa relativa allo stipendio della punta. Il Bari, in pratica, rileverebbe Bianchi in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione e gli corrisponderebbe una cospicua parte dell’ingaggio (circa 350mila euro sui 700mila complessivi), avvalendosi di un sostanzioso aiuto da parte del Bologna e della disponibilità del calciatore a rivedere alcune termini dello stipendio.

Fin qui, il quadro farebbe indurre all’ottimismo. Il vincolo di Bianchi con i felsinei, però, prevede anche una parte variabile decisamente dispendiosa. Un «surplus» che riguarda esclusivamente il centravanti e gli emiliani. Il problema, però, è che tra contributo all’ingaggio e buonuscita, il Bologna spenderebbe quasi un milione di euro. Troppo, malgrado la volontà dei rossoblu di cedere la punta lombarda. La difficoltà può essere superata soltanto dallo stesso Bianchi e dal suo entourage. Oggi, il procuratore (nonché fratello) dell’attaccante, Riccardo Bianchi, sarà a Milano per incontrare tutte le parti coinvolte nella negoziazione. L’idea è trovare una transazione che sblocchi definitivamente l’approdo nella città di San Nicola. Una cosa appare certa: Rolando è a caccia di riscatto. Vuole trasferirsi in un club che lo faccia tornare protagonista, dopo l’ultimo opaco biennio.

Facile, tuttavia, intuire che, se nemmeno oggi si raggiungesse la fumata bianca, il Bari dovrebbe guardarsi seriamente attorno. Sembra che, comunque, il duo Paparesta-Zamfir non sia impreparato. C’è, infatti, un’altra trattativa, prossima alla chiusura. Vicinissimo sarebbe il centravanti greco Antonis Petropoulos, gigante di 191 centimetri, in forza agli ellenici del Kalloni: 29 anni, cresciuto nell’Egaleo, vanta trascorsi pure nel Panathinaikos (15 reti dal 2008 al 2012), nell’Aek Atene, nell’Apollon Smyrnis (la sua miglior stagione con 12 gol in campionato) e nell’Ofi Creta. Tra le alternative (qualora sfumasse Bianchi) potrebbero esserci anche Richmond Boakye (Atalanta) e Riccardo Maniero (Catania). Non sarebbe, invece, il candidato prioritario per la prima linea Ferdinando Sforzini, sebbene, l’Entella voglia inserire il 30enne di Tivoli nella trattativa per arrivare a Francesco Caputo. Tra i calciatori biancorossi, continua a raccogliere attenzioni Marco Romizi: il 25enne centrocampista toscano è corteggiato dall’Avellino, ma anche da Spezia e Frosinone. Il Pescara, invece, rilancia forte per Galano: oggi potrebbe esserci un incontro decisivo. Finora, però, non è arrivata una proposta economica ritenuta accettabile dalla società pugliese che, peraltro, sta pensando di tenerlo (a meno di offerte irrinunciabili), soprattutto se Nicola adotterà il 4-2-3-1. Si è concluso il «casting» degli elementi provati dal Bari. Gli ultimi due, il portiere croato Ivica Ivusic ed il centrocampista francese Bryan Nouvier (classe ’95), non saranno tesserati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400