Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 09:51

Abete: «Vietare le trasferte potrebbe essere il prossimo passo»

Il presidente della Federcalcio ha commentato la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri: «Dobbiamo combattere la cultura dell'odio presente nella nostra società. Sarei disonesto se dicessi che non abbiamo pensato di rinviare tutte le gare, ma alla fine credo che si sia presa la decisione migliore»
ROMA - «Vietare le trasferte potrebbe essere il prossimo passo». Lo ha detto il presidente della Figc, Giancarlo Abete, commentando la morte del tifoso laziale Gabriele Sandri. Abete si è detto «contrario da dirigente sportivo» ad una simile restrizione. «Il calcio non può diventare sereno con i vincoli - ha aggiunto Abete ai microfoni della Rai - dobbiamo combattere la cultura dell'odio presente nella nostra società. Ci vuole una responsabilità maggiore da parte di tutti. Questo è un altro momento difficile per il calcio - ha aggiunto Abete - sarei disonesto se dicessi che non abbiamo pensato di rinviare tutte le gare, ma alla fine credo che si sia presa la decisione migliore. La dinamica dell'evento colpisce il mondo del calcio ma è molto differente ad esempio da quello che accadde con l'agente Raciti. Quella fu una guerriglia all'interno di uno stadio qui invece si sarebbe trattato di un colpo partito dalla pistola di un agente contro una persona che non si sapeva neanche fosse un tifoso. Il valore della vita è uguale ma l'evento è molto diverso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione